• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 314.173 accessi
  • Categorie

Sospette tangenti per il centro commerciale di Quintano

CLICCA PER SCARICARE IL PDF DELL’ARTICOLO

Riceviamo e inoltriamo il comunicato del “Comitato contro il Megacentro commerciale di Quintano” al quale va tutto il nostro appoggio.

Segnaliamo questo articolo (datato 12/2011) nel quale riportavamo tutte le nostre preoccupazioni sulla questione.

Buongiorno a tutt*

Allego l’articolo pubblicato ieri sul corriere della sera edizione bergamasca.

A nome del  “Comitato contro il megacentrocommerciale di Quintano”  esprimo indignazione nell’apprendere che le decisioni sull’autorizzazione sarebbero inquinate da un giro di tangenti e corruzione.

Ci auguriamo che non sia vero.

Abbiamo partecipato alle  4 riunioni della conferenza dei servizi che ha portato tra il settembre 2008 ed il gennaio 2009 la Regione Lombardia a concedere l’autorizzazione per la megastruttura commerciale di Quintano.

Abbiamo portato tanta documentazione, che ci è costata un sacco di lavoro, tutto svolto in modo volontario con l’impegno personale di tanti cittadini e spesso con l’ostruzione delle istituzioni.

Allora denunciammo come quelle conferenze dei servizi non avessero approfondito compiutamente  la documentazione da noi prodotta e non avessero risposto alle questioni poste dal comitato.  Denunciammo anche alcune stranezze come il regolamento regionale  pubblicato il giorno prima dell’ultima riunione della conferenza dei servizi ed utilizzato per valutare la compatibilità dell’intervento.

Non siamo quindi del tutto sorpresi leggendo questo articolo, siamo però indignati  nell’apprendere che forse era tutta una presa in giro, che tutto era già deciso; che il nostro impegno nel produrre osservazioni  e contributi forse è stato bellamente ignorato e deriso da chi in quel momento rivestiva un ruolo istituzionale, profumatamente pagato dai cittadini.

Ora ci sembra doveroso che tutta quella procedura venga azzerata, quanto meno sospesa, in attesa che si faccia piena luce su quei torbidi fatto.

NO al MEGACENTROCOMMERCIALE di Quintano

IL NOSTRO TERRITORIO A RISCHIO “CONTAMINAZIONE”

Alla luce delle recenti vicende di corruzione in regione Lombardia, si dovrebbe innescare una sommossa popolare o quantomeno un sano allarmismo ed un’attenta vigilanza verso i luoghi “sensibili” del nostro territorio, vedi il Mega centro commerciale di Quintano (Bg) e la cava-discarica Atg39 di Telgate (Bg).
Tra gli arrestati:
Nicoli Cristiani: ex vicepresidente del consiglio regionale (Pdl);
Pierluca Locatelli: imprenditore del gruppo Locatelli di Grumello del Monte;
Andrea David Oldrati: fondatore e responsabile tecnico di Terraverde Srl, società che si sta occupando, come consulente, della bonifica dell’area ex Fonderie del Quintano dov’è in progetto la costruzione del Megacentro commerciale;
Giuseppe Rotondaro: funzionario dell’Arpa

Questi personaggi  non sono tutti coinvolti direttamente nei progetti sopra citati, ma i soggetti istituzionali , quelli di garanzia e le dinamiche sono pressoché medesime. Per questa ragione è fondamentale attivarsi, fare rete con i comitati e partecipare alle iniziative contro la discarica di Telgate ed  il centro commerciale di Quintano. L’ignavia ci rende vittime e allo stesso tempo carnefici in questo marcio sistema.

ISCRIVITI AI GRUPPI FACEBOOK:

Claudio Cominardi per palazzolo5stelle.it

“CIRCO”NSIGLIO COMUNALE

Risulta complesso spiegare quanto accaduto nel consiglio comunale di martedì 20 dicembre, soprattutto per coloro i quali non seguono né le sedute, né l’attualità locale.

Il consiglio comunale dovrebbe essere la più alta espressione di una comunità, ma in questo caso si è dimostrato, con le dovute eccezioni, uno dei peggiori esempi di inciviltà. Sebbene in discussione ci fosse una mozione importantissima riguardante la cava-discarica di Telgate (Ateg39), il dibattito si è trasformato, prima in “caciara” da bar, poi in un circo com’è possibile constatare dall’estratto nel video qui sopra postato.

Apparentemente lo scontro avvenuto in consiglio tra i proponenti della mozione (Pd) ed il sindaco sembrava essere una questione di forma, in realtà la divergenza si rivelava sostanziale. Era evidente che il sindaco non volesse inserire nel testo della mozione le motivazioni, che in qualche modo potevano coinvolgerlo “partiticamente”, forse proprio perché Nicoli Cristiani – fino a poco tempo fa della sua stessa corrente politica – ha avuto rapporti compromettenti con alcuni personaggi coinvolti nei procedimenti di discariche e magari anche dell’ ATEg39 (?).  Non meno imbarazzante la posizione dell’assessore all’urbanistica Stefano Raccagni che aspetta delle settimane a fornire delle spiegazioni in merito ad un incontro svoltosi nel mese di ottobre con dei militanti della Lega ed i dirigenti di Azienda Verde, ovvero i cavatori coinvolti nel procedimento dell’ATEg39.

Ad un certo punto il dibattito si è infiammato e nel totale disprezzo dello Statuto comunale, trattato come fosse “carta da culo”, il sindaco ha dato sfoggio della sua arroganza facendo quel che gli pareva, col pavido, o impreparato presidente del consiglio Chiodini che è mancato totalmente nel suo ruolo, a tal punto da far presentare una mozione allo stesso Sala nonostante mancasse il numero legale, salvo poi essere interrotto dall’intervento del pubblico e dei consiglieri di opposizione.

Si è chiesta chiarezza a gran voce martedì sera da parte dei cittadini.

Io credo che la maggior parte di noi siano tornati a casa con maggiore confusione e preoccupazione.

Viene da domandarsi, in tutto questo i cittadini che ruolo hanno? Si possono solo arrabbiare per poi farsi sbattere fuori dall’aula consiliare?

Io penso sia ora che i cittadini inizino ad interessarsi con maggior costanza ed attenzione alla politica locale, perché la politica è una cosa brutta solo quando diventa protagonismo, lotta tra segreterie di partito, corruzione; ma una cosa bellissima quando fatta con passione autentica, quindi, con solidarietà ed altruismo. La politica, com’è concepita oggigiorno, i problemi non li risolve, li complica. Tocca a noi tutti impegnarci in prima persona per ridare un ruolo e dignità alle istituzioni. Per quanto riguarda il caso specifico, il Comitato contro la discarica di Telgate è un esempio di quel che dovrebbe essere la buona politica.

Claudio Cominardi per Palazzolo5stelle.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: