• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 302,519 accessi
  • Categorie

Appuntamenti da non perdere

Conferenza a Capriolo (zona lago d’Iseo) e ulteriori segnalazioni

megafonoGiorno 11 luglio alle ore 21 ci sarà una conferenza a Capriolo su terrorismo, strategia della tensione, anni di piombo, con la presenza del presidente dell’associazione caduti di piazza della loggia Manlio Milani; il curatore di questo blog è uno dei relatori. Tutti i dettagli e le indicazioni per arrivare alla conferenza al seguente link:

http://informa-azione-reazione.blogspot.it/2013/06/11-luglio-2013-prima-conferenza-del.html

 

qui di seguito altri appuntanenti interessanti per tutti i gusti:

 

Prossimamente ad agosto (intorno al 10/13) ci saranno delle interessanti conferenze ad Agordo (vicino Belluno), vi terrò informati
 
Il futuro secondo la NASA http://www.tankerenemy.com/2013/07/il-futuro-secondo-la-nasa.html è un articolo che mostra prove alla mano come tutto ciò che denunciamo da anni sia nei progetti governativi. Vedi anche l’articolo Il futuro della guerra  secondo la NASA http://fractionsofreality.blogspot.it/2013/07/il-futuro-della-guerra-secondo-la-nasa.html.
 
Un’intervista ed un piccolo dossier sugli effetti negativi dei vaccini, specialmente quelli militari; sebbene il medico in questione crede ancora alla validità di certe vaccinazioni le cose che denuncia riguardo alla possibile tossicità (soprattutto dei vaccini militari) sono notevoli:

http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2012/11/23/news/intervista_giulio_tarro-46382952/

Detenute sterillizate illegalmente in USA (ci risiamo):

Il Dalai Lama (un po’ come l’attuale Papa) cerca di ingraziarsi la benevolenza della gente, questa volta ipotizzando un possibile successore donna (ma noi sappiamo chi sia in realtà costui

 
I segreti dei 18 scheletri giganti del Wiscounsin:
Un altro interessante articolo sul tornado sull’ILVA di Taranto:
 
La testimonianza di un medico che ha abbandonato la medicina ufficiale in quanto i suoi rimedi sono solo sintomatici nella maggior parte dei casi:

Un delegato FIOM parla di sovranità monetaria a Radio Capital

I comuni gestiscano l’emergenza moneta

Propaganda e legalizzazione dell’incesto:
http://www.losai.eu/genitori-e-figli-pronti-per-lincesto/

Abbiamo la stessa moneta ma le stesse cose costano poco in Germania e tanto in Italia (solo coincidenza?)
Gli esperti del settore preannunciano l’esplosione non lontana di etna e vesuvio

Cava di Telgate ATe G39

Giovedì 13 gennaio eravamo presenti all’incontro promosso dal Pd per illustrare la situazione relativa alla cava di Telgate confinante con il nostro territorio.
Fino a quel momento, noi cittadini, eravamo ancora piuttosto all’oscuro dello stato dei fatti ed era effettivamente necessario avere a disposizione dati ed informazioni che ci rendano chiara la situazione in cui il nostro territorio si troverà a causa di questa cava.
In Consiglio Comunale se n’è parlato quasi esclusivamente su iniziativa del Pd e sebbene la nostra amministrazione si sia dichiarata decisamente contraria, non ci è ancora dato sapere quali siano le iniziative che intende mettere in campo per contrastare l’impatto che questa cava avrà sul nostro territorio. A livello informativo abbiamo dovuto aspettare l’iniziativa di una forza di minoranza quando su queste tematiche, se si vogliono ottenere risultati, sarebbe invece necessario coinvolgere la cittadinanza.
In tutto l’iter amministrativo che ha portato all’approvazione del piano cave della provincia di Bergamo, le amministrazioni dei comuni coinvolti non hanno saputo esprimere una efficace azione di opposizione a difesa dei propri territori e della propria cittadinanza: le poche azioni intraprese sono state scoordinate, non propriamente mirate e decisamente blande. A sentire la cronostoria di tutta la vicenda non ne risulta una vera volontà di contrastare, quello che sembrebbe, una vera Continua a leggere

LA MAFIA E L’ANTIMAFIA SONO DENTRO DI NOI

1a e 2a parte riprese de “la giornata per la legalità” organizzata dall’ANPI di Palazzolo s/O.

[blip.tv http://blip.tv/play/hYNxgpfifgI%5D
[blip.tv http://blip.tv/play/hYNxgpfzdQI%5D

Non è necessario vedere coppole e lupare per la strada per capire che viviamo in mezzo ad una cultura mafiosa. Da troppo tempo molti dei “campioni” che abbiamo eletto in parlamento, nelle regioni, nei comuni,   si comportano e si sentono al di sopra delle più elementari leggi della trasparenza e della democrazia considerando il mandato ricevuto come un affare privato loro e dei loro “amici”.  Un gradino al giorno e dopo decenni ci si trova sempre più in alto: senza rendersene conto si è andati talmente in alto e cosi lontani da quel punto di partenza chiamato “onestà e legalità” che ora non ricordiamo più nemmeno cosa significhino. Il cittadino si è ormai assuefatto a questi modi di agire a tal punto che smette perfino di vederci qualcosa di sbagliato; molti di noi reagiscono stupiti quando qualcuno fa notare che qualcosa non và.. E intanto si continua a salire, sempre più in alto, non ci viene neanche più il fiatone…

Mafioso è diventato gran parte del tessuto sociale, a partire dalle molte amministrazioni comunali, provinciali , regionali, da sud a nord. Il fenomeno mafioso negli ultimi decenni è aumentato ed intaccato tutto il tessuto sociale, politico e produttivo a causa della nostra negligenza e superficialità, ha intaccato come un inesorabile cancro gran parte della società anche in quelle zone dove prima non c’era.     Non solo, vorremmo far presente che la “cultura maffiosa è diventata modello di vita” anche quì da noi, forse il clientelismo all’interno di certi rapporti interpersonali di scambio  a discapito dell’interesse collettivo e su più livelli della società, non è  forse sintomo di un’atteggiamento di matrice mafiosa? La cultura mafiosa non potrà essere combattuta e sconfitta se noi cittadini per primi non smetteremo di accettare e giustificare, per pigrizia e per comodità, questi atteggiamenti inquinanti.
Il 5 dicembre scorso

Continua a leggere

FOTOVOLTAICO 5 STELLE

La nostra proposta riguarda lo sviluppo delle energie rinnovabili, dove il comune, oltre che incentivare, deve dare l’esempio. Serve inanzitutto uno studio di quali e quante siano le zone che si riterranno più idonee all’istallazione in base ai criteri di resa. Una volta individuati gli spazi, possiamo prevedere 2 soluzioni, in base alle disponibilità economiche del nostro comune:

1 soluzione: indire un bando comunale per la concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici da installare sui tetti comunali, in modo da attirare investimenti privati,  ai quali spetterà l’incentivo del GSE oltre all’energia prodotta dagli impianti. Il comune, da parte sua, riceverà l’energia gratuita per il funzionamento degli edifici sui quali sono stati installati gli impianti con un notevole risparmio economico oltre ai benefici ambientali e di salute. Questa soluzione può essere attuatta se il comune non dispone delle risorse economiche sufficienti all’installazione di impianti fotovoltaici direttamente.

2 soluzione: una volta studiate le zone di installazione con maggiore resa per gli impianti fotovoltaici, il comune acquista direttamente e fa installare gli impianti fotovoltaici, in modo tale da garantirsi oltre all’energia gratuita per il funzionamento degli stabili, anche gli incentivi del GSE oltre all’energia prodotta dall’impianto stesso. Ovviamnte questa soluzione, che per il comune sarebbe la migliore, richiede un grosso investimento iniziale e deve essere valutata in base alle disponibilità economiche e delle possibilità di ulteriore indebitamento.

Entrambe le soluzioni danno vantaggi economici, sia al Comune (risparmio spese energetiche, e nel secondo caso anche recupero incentivi GSE), che al privato (vendita pannelli ed installazione, e incentivo GSE nella prima soluzione).

Palazzolo 5 Stelle ha studiato una soluzione che porti ad un compromesso tra Continua a leggere

PALAZZOLO A RISCHIO L’ACQUA PUBBLICA: IL CITTADINO NON DEVE SAPERE

Giovedì 16 dicembre si è svolta in sala civica del comune di Palazzolo la commissione territorio; all’ordine del giorno la discussione in merito all’acqua come diritto pubblico. L’incontro inizia col piede sbagliato: in aula si sente poco la voce degli oratori, a quel punto chiediamo di utilizzare l’impianto audio già predisposto in sala per l’evento successivo; le risposte dell’assessore Bruno Lancini e poi del presidente di commissione Armando Marini sono altamente offensive nei confronti di quei cittadini che per senso civico si sentono in dovere di partecipare alla vita amministrativa del paese. B. Lancini risponde: “scusate, stavo parlando con loro …” (riferendosi ai membri di commissione); A. Marini ancor più spavaldo replica: “dobbiamo spiegare a quelli che sono i componenti della commissione, non di sicuro agli altri. Se volete sentire allungate un attimino le orecchie!” (guarda il video).

Il punto all’odg verteva sulla discussione della risoluzione ONU come diritto pubblico di accesso all’acqua. Come già spiegato nel nostro articolo in data 14 Dicembre, la proposta di quel testo è stata una palese presa in giro: la risoluzione ONU si occupa dei paesi in via di sviluppo e tale testo non ha alcun potere vincolante per i Paesi e nei confronti dei privati che vogliano decidere la gestione dell’acqua. Marini burocratizza la discussione senza entrare nel merito della questione acqua pubblica dicendo che l’iter di procedura per la modifica dello statuto comunale è un altro; e allora ci sorge spontanea una domanda: per quale ragione proporre la risoluzione Onu se la commissione non è quella competente? Inoltre, il Sindaco aveva dato mandato alla commissione territorio di discutere questo argomento.

L’assessore Stefano Raccagni prima ne fa ridicolamente un problema di costi: “l’atto notarile per la modifica statutaria costa € 3.000 e quindi pare giusto apporre tutte le modifiche in un atto solo” spiega l’assessore; discorso limpidissimo e condivisibile se non fosse che:

1) già ad Aprile altri avevano detto la stessa identica frase – è da Aprile che non si è fatto NULLA, niente di niente per raggruppare le modifiche, se fosse quello il problema. Ma lo sappiamo tutti che è solo una scusa, un pretesto;

2)questa amministrazione ha sprecato ca. € 50.000 per gli addobbi natalizi, ca. € 530.000 per “il bar che galleggiava”, ca. € 40.000 per la pubblicità del Comune.

Ad un certo punto, durante il dibattito, Marini pare colto da un attacco di dissenteria e si alza di scatto dirigendosi verso l’uscita a rincorrere un ragazzo che, indignato mentre abbandonava la seduta, aveva esposto un cartello con scritto: “Tutto questo grida vendetta al cospetto di Dio”. Il presidente Marini rientra e dichiara pretestuosamente la sospensione della seduta. Dal pubblico si solleva un applauso ironico e di protesta, la gente in sala è molto arrabbiata e non manca di ricordare agli amministratori quanto sia stato vile e da conigli indire una commissione così importante per i cittadini palazzolesi alle 18. Gli amministratori paiono intimiditi dall’ostilità percepita; I nostri dipendenti-amministratori si sono ancora una volta dimostrati dei turisti della democrazia, a loro manca proprio l’abc, mancano i presupposti per ricoprire una carica importante come quella di rappresentanti delle istituzioni.

Prendendoci in giro in questo modo, hanno perso una grande opportunità: quella di trovarci disponibili, cortesi e aperti alle loro parole, iniziative, promesse. Facendo così hanno guadagnato la nostra TOTALE SFIDUCIA.

Ora utilizzeremo tutti i mezzi a nostra disposizione per informare la cittadinanza e studieremo i provvedimenti da prendere successivamente. Attendiamo i vostri consigli e pareri ricordandovi che le vostre idee sono importantissime e  che “OGNUNO VALE UNO”; per questo le nostre riunioni sono pubbliche, il nostro non è un semplice refrain ma un requisito essenziale ed uno sprono per responsabilizzare la cittadinanza. Ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato alla commissione, dalla mamma che nonostante i 3 figli piccoli non è voluta mancare, a coloro che nonostante il lavoro e l’orario improbabile  sono riusciti a presenziare. Grazie di cuore a tutti, d’ora in poi dovranno fare i conti con noi.

Stay Tuned

Per info: palazzoloa5stelle@gmail.com

Claudio C., Claudio S., Emy S. per Palazzolo5stelle

WICTOR E LA SOLIDARIETA’?

Un altro pezzo di storia palazzolese ha preso la via del tramonto sotto lo sguardo attento e preoccupato dei cittadini e quello meno attento dell’amministrazione, che poco ha fatto per aiutare la causa, nonostante più volte in consiglio alcune opposizioni abbiano chiesto riscontro e tempestivo intervento. Sicuramente la Wictor non sarebbe stata salvata dalla  “Sala & C.”, ma molto si doveva e si poteva fare già  per aiutare chi al tramonto di oggi farà fatica a rivedere una nuova alba domani.

Sono proprio queste persone con famiglia che d’ ora in poi resteranno senza certezze,  spesso umiliate ed in difficoltà economiche. Purtroppo si sente parlare sempre di quante persone hanno perso il lavoro – ma mai si parla – di quelle a cui cambia improvvisamente la vita;  spesso chi  paga le conseguenze sono anche  i figli.

La solidarietà è arrivata da molte parti:  il blog ha dato spazio e voce agli operai e spesso altri cittadini sono intervenuti nella discussione portando il loro sostegno, anche gli amministratori hanno mandato i propri messaggi di Continua a leggere

Biciclettata: OBIETTIVO RAGGIUNTO?

La giunta comunale di Palazzolo sull’oglio, in data 28 Settembre 2010, presenti il sindaco Sala, Bertoli, Lancini, (Raccagni assente) Stucchi, Armando e Romana Turra e Urgnani, hanno approvato un progetto che prevede la costruzione di una pista ciclo-pedonale in via Pontoglio per attingere ai cofinanziamenti regionali attraverso un bando per “interventi per favorire lo sviluppo della mobilità ciclistica”.

L’obiettivo della Biciclettata – da noi organizzata il 12 settembre con l’appoggio del circolo GEP-Legambiente di Pontoglio il quale auspicava la realizzazione del progetto di via Pontoglio – era quello di migliorare l’intera viabilità ciclabile a Palazzolo. Il progetto  in questione fu già approvato nel 2006 per poi essere approvato in maniera definitiva nel dicembre 2007, ma in questi tre anni è stato forse perso in qualche cassetto. Possiamo attribuirci il merito di aver rinfrescato la memoria all’amministrazione palazzolese contribuendo a velocizzarne i tempi di applicazione. Sicuramente è un segnale positivo per i cittadini, un primo passo per coloro che vogliono vivere in un paese più sostenibile, liberi di poter circolare per le strade senza dover temere per la propria incolumità personale. In un paese, in una città dove il sistema ciclo-pedonale è ben organizzato i benefici sono notevoli, minor traffico, minor inquinamento, minor sperpero delle risorse (monetarie e combustibili fossili) ma soprattutto il piacere di potersi godere la propria città. Purtroppo questo non sempre è possibile.

Siccome l’amministrazione si è mostrata con questa prima mossa disponibile a progetti di questo stampo, noi le rinfreschiamo la memoria su un altro disagio inerente le piste ciclabili palazzolesi, confidenti del fatto che la nostra voce verrà ascoltata.

A luglio ricevemmo una segnalazione di un cittadino palazzolese residente a Mura in via Piave che, attraverso delle foto e una dettagliata descrizione, ci raccontò quanto sarebbe stato impegnativo per il figlioletto raggiungere la scuola elementare a causa di un percorso mal pensato – gestito – costruito. Invitiamo alla lettura integrale dell’articolo

Ecco perché crediamo che con questo progetto a Palazzolo i problemi della viabilità-mobilità sostenibile non siano risolti: purtroppo non è sufficente sfoderare l’approvazione di un progetto già esistente redatto da altri per placare i bisogni della cittadinanza. Quello che Palazzolo e  i suoi cittadini chiedono è una attenta e scrupolosa pianificazione del territorio con una conseguente attuazione parsimoniosa dei progetti; in parole povere niente sprechi e magna magna!

 

Emanuela Salogni per Palazzolo  5 Stelle

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: