• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 312.138 accessi
  • Categorie

Non chiamateli onorevoli ma cittadini

Così si presentano i neoletti portavoce alla camera, al senato e alla regione del movimento 5 stelle

 

Nello specifico, tra gli eletti focalizzeremo la nostra attenzione solamente su sei di questi, e nello specifico su Ferdinando Alberti, Vito Crimi, Basilio Tatiana, Claudio Cominardi, Sorial Girgis Giorgio e Giampietro Maccabiani.

Il minimo comune denominatore che collega queste persone è la loro terra di provenienza: Brescia. Cerchiamo di conoscere meglio questi conterranei:

 comi     Claudio Cominardi: 31 anni disegnatore tecnico, residente a Palazzolo sull’Oglio ed è’ il primo cittadino Palazzolese ad accedere come deputato alla Camera. Iniziatore della prima lista 5 stelle della provincia di Brescia, la nostra Palazzolo a 5 Stelle. Sempre attivo dal punto di vista politico, si è interessato alle problematiche del proprio comune e dei cittadini non perdendo mai di vista questioni di carattere nazionale ed internazionale. Ha ottenuto insieme al gruppo palazzolese  molti traguardi come le riprese streaming dei consigli comunali, l’installazione del wi-fi  free nel parco della cittadina palazzolese, la modifica dello statuto comunale in difesa dell’acqua pubblica sono un esempio. Deciso a ripristinare la legalità e a ridare voce ai cittadini e ai problemi reali – si è messo in gioco prima a Palazzolo e ora in Parlamento. Si interessa di ambiente, salute, lavoro ma anche di decrescita felice.

Candidati grillini al parlamentoAlberti Ferdinando: 30 anni, impiegato residente a Mazzano. Laureato in Ingegneria,  con una  tesi riguardante il riciclo dei materiali, conosce nel 2007 il movimento. Contribuisce allo sviluppo di un proposta alternativa alla realizzazione di un inceneritore nella valle d’Adige e si è sempre interessato a progetti per la salvaguardia dell’ambiente e di energia sostenibile. È deputato alla Camera.

vitoVito Crimi: 40 anni, residente a Brescia. impiegato presso il Ministero della Giustizia con la qualifica di Assistente giudiziario presso la segreteria di Presidenza della Corte d’Appello di Brescia si è sempre occupato di gestire e organizzare progetti giudiziari. Conosce il movimento nel 2007 con il solo intento di dare alla gente una nuova prospettiva per il futuro, più intelligente, più sostenibile. Praticamente dagli albori è attivista nel gruppo di Brescia 5 Stelle, figura riconosciuta da tutti come di riferimento grazie alle sue competenze e alla sua disponibilità.  Oggi è capogruppo del movimento al Senato.

60725_10200191047612533_787030571_nTatiana Basilio: 38 anni residente a Brione. Amante della libertà e dell’indipendenza è una che, come si suol dire, si è fatta da sola. Nella sua presentazione si presenta come sognatrice, ma è una che in realtà di fatti ne ha compiuti. Dopo aver sperimentato qualche professione ora è casalinga. Attivista nel gruppo di Gussago 5 stelle dal 2011, amante della natura e dell’eco-sostenibilità oggi è deputato alla Camera.

Candidati grillini al parlamento

Giorgio Sorial Girgis: 29 anni residente a Brescia. Laureato in ingegneria oggi è un libero professionista che dedica del tempo all’insegnamento negli istituti scolastici e nei corsi aziendali. Volontario attivo nelle associazioni no profit si presenta come difensore delle fasce di cittadini più deboli, ed in  particolar modo dei minori. Oggi è deputato alla Camera.

giampietro

Giampietro Maccabiani: 38 anni residente a Montichiari. Laureto in scienze biologiche lavora come biologo e nello specifico di sicurezza alimentare. Conosce il movimento nel 2007 spinto dall’interesse verso le tematiche ambientali e s’impegna nell’applicazione del programma del movimento e nella totale trasparenza di tutte le azioni. Spesosi moltissimo nelle questioni ambientali di Montichiari e Brescia, oggi è il consigliere Bresciano del MoVimento in Regione Lombardia.

Beppe Gasparetti per Palazzolo a 5 stelle

M5S Lombardia: Concorso “fantasma”, possibili danni erariali per 13 milioni €

Assalto alla dirigenza in Regione: il concorso “fantasma”

Possibili danni erariali per 13 milioni di euro

I Consiglieri M5S di Regione Lombardia chiedono al Presidente Maroni di affrontare con urgenza e responsabilità la questione del concorso “fantasma” del 2006 con cui sono stati assunti 31 dirigenti regionali, e che siano quindi finalmente applicate tre fondamentali sentenze a questo riguardo.

Le tre sentenze, rispettivamente del TAR lombardo, del Consiglio di Stato e della Cassazione, si pronunciano sulla nullità del concorso indetto da Regione Lombardia nel 2006 in quanto privo di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, evidenziando il concetto per cui l’annullamento del bando travolge tutti gli atti successivi da esso dipendenti. La Corte dei Conti sta attualmente esaminando un esposto che chiede di valutare il possibile danno erariale prodotto da questa vicenda, stimabile al ribasso in 13 milioni di euro.
In attesa del pronunciamento della Corte dei Conti, i 9 Consiglieri di Regione Lombardia del M5S chiedono al Presidente Maroni di non tergiversare e di assumersi la responsabilità di affrontare la questione dando piena attuazione immediata e trasparente alle sentenze del TAR lombardo, del Consiglio di Stato e della Cassazioneche hanno giudicato nullo il concorso pubblico con cui sono stati assunti ben 31 dirigenti.

Le iniziative del M5S e le 3 sentenze: i dettagli della vicenda

I Consiglieri regionali del M5S hanno protocollato Lunedì 25 Marzo 2013 in Regione Lombardia un documento che espone la vicenda alla luce delle iniziative del M5S e delle sentenze delle Corti chiamate ad occuparsi del caso.

Nel febbraio 2006 Regione Lombardia indice un concorso pubblico per l’assunzione di 31 dirigenti a tempo indeterminato, di cui 20 saranno assunti a partire dal primo Settembre 2007, mentre i restanti 11 saranno assunti a partire dal primo Gennaio 2008. Questo concorso pubblico viene effettuato senza la relativa e necessaria pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Pochi mesi dopo un cittadino milanese cita l’ente stesso per la mancata pubblicazione del concorso sulla Gazzetta Ufficiale. Mentre si attende la sentenza del TAR su questa vicenda, Nicola Maria Sanese, allora Segretario generale della Giunta Regionale, assume questi 31 dirigenti, facendo firmare loro una lettera in cui si prevede una risoluzione automatica del rapporto di lavoro per effetto di eventuali statuizioni giudiziarie pregiudizievoli.

Nel Gennaio 2008 il TAR lombardo annulla questo concorso a causa dela mancata publicazione, come previsto da leggi costituzionali.
Regione Lombardia fa appello contro questa sentenza presso il Consiglio di Stato.
In attesa di pronunciarsi, il Consiglio di Stato sospende la sentenza del TAR e impone che il concorso sia bandito nuovamente per un posto di dirigente per soddisfare la pretesa dell’appellato.

Ad aprile 2009 il Consiglio di Stato con sentenza n. 2077 conferma l’annullamento disposto dal TAR, specificando che “l’eliminazione dal mondo giuridico del bando di concorso, rende privi di qualsivoglia giustificazione gli atti successi” e aggiunge “di tale situazione si è mostrata ampiamente consapevole la Regione che ha condizionato l’accettazione della nomina da parte dei vincitori alla clausola contrattuale che contempla la risoluzione del rapporto per effetto di eventuali statuizioni giudiziali pregiudizievoli”.
Regione Lombardia fa un ulteriore ricorso in Cassazione: a Giugno 2010 la Cassazione conferma ulteriormente le due sentenze precedenti (del TAR lombardo e del Consiglio di Stato), e conferma il principio per cui l’annullamento del concorso in quanto privo di pubblicazione su Gazzetta Ufficiale travolge e rende nulli tutti gli atti da esso dipendenti, compresa quindi l’assunzione dei 31 dirigenti.

Dal Settembre 2007 sono stati assunti e retribuiti con i soldi dei contribuenti 31 dirigenti con un concorso che ben 3 sentenze (rispettivamente del TAR lombardo, del Consiglio di Stato e della Cassazione) hanno giudicato non valido a norma di legge.
Nel 2008, con la Legge Regionale numero 20, Regione Lombardia introduce l’articolo 99 bis, il quale sana l’illegittimità del concorso in oggetto con una norma retroattiva, e quindi chiaramente incostituzionale, che consente di indire concorsi pubblici regionali senza la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Nella sentenza del TAR del 2008 si legge però che “la mancata pubblicazione dei concorsi anche in Gazzetta Ufficiale contrasta con leggi statali gerarchicamente superiori” e pertanto un tale adempimento non poteva assolutamente considerarsi derogabile da alcuna norma regionale. Anche il Consiglio di Stato scrive che “l’obbligo di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale è sancito da norme e principi di rango costituzionale”.

Nel Settembre 2012 Mattia Calise (consigliere comunale M5S di Milano), Vito Crimi ed Enrico De Alessandri depositano un esposto presso la Corte dei Conti per valutare un eventuale danno erariale derivante da questa vicenda; la stima al ribasso è di 13 milioni di euro. La valutazione istituzionale, nel caso in cui effettivamente ci sia un danno erariale, verrà effettuata dalla Corte dei Conti, che ancora non si è pronunciata a riguardo.
Ciò che i 9 Consiglieri regionali M5S chiedono oggi al Presidente Maroni è di prendere atto di questa situazione, dando piena e trasparente attuazione alle sentenze del TAR lombardo, del Consiglio di Stato e della Cassazione.

Guarda il video: http://youtu.be/pjBzV22n0m4

Per ulteriori informazioni: ufficiostampa@lombardia5stelle.org
tel: 349 420 1349

Considerazioni sul Consiglio Europeo del 14-15 Marzo 2013

Vorrei sottoporre all’attenzione di tutti una parte secondo me significativa della relazione sulla riunione del 14 – 15 Marzo 2013 del Consiglio Europeo.

–          Il solo modo per uscire dalla crisi è continuare ad affrontarne le cause profonde.”  Herman Van Rompuy, presidente del Consiglio europeo;

–            Le priorità di politica economica dell’UE convenute sono:

  • risanare il bilancio in modo differenziato e favorevole alla crescita,
  • ripristinare la normale erogazione di prestiti all’economia,
  • promuovere la crescita e la competitività,
  • lottare contro la disoccupazione;

–          Obiettivo è la la correzione degli squilibri macroeconomici;

–          Gli Stati membri possono equilibrare gli investimenti pubblici produttivi con la disciplina di bilancio;

–          Sul trattato di stabilità:“Una volta entrato in vigore questo trattato avrà effetti profondi e duraturi” Herman Van Rompuy;

 

Gli obiettivi sopra evidenziati sono nobili e veri, ma all’interno del patto di stabilità del pareggio di bilancio e dell’unione di economie differenti (in breve all’interno della stessa Europa che li proclama) ciò non è possibile per tre cause:

1)  Unire Stati con monete diverse porta inesorabilmente al fallimento degli stati con moneta meno forte

tab michela

Essi infatti vedono il totale della loro esportazione assorbito dagli Stati con moneta piu’ forte. Come accaduto tra Italia e Germania.

Si veda la tabella da cui si puo’ ricavare il famoso grafico “a specchio”, che dimostra il progressivo assorbimento dell’esportazione italiana da parte di quella tedesca.

La relazione è stata ampiamente spiegata dagli economisti Claudio Borghi ed Alberto Bagnai (significativamente di orientamenti politici opposti, perché quando si parla di dati economici onestamente analizzati, la politica deve fare spazio alla verità economica):

BAGNAI  e BORGHI

Continua a leggere

Conferenza stampa Comitato civico intercomunale di tutela salute e ambiente

riceviamo e inoltriamo notizie dal comitato.

22 marzo 2013

Questa conferenza stampa chiude formalmente la campagna di raccolta firme che il Comitato ha lanciato a partire dal 20 gennaio di quest’anno. Un’iniziativa che non è nata semplicemente per testimoniare la contrarietà ad un progetto, ma per chiedere ai cittadini di sottoscrivere una petizione. Per chiarezza, la petizione è uno strumento grazie al quale i cittadini, singoli o associati come in questo Comitato, possono sottoporre un tema di interesse particolare o generale al Consiglio Provinciale e ai Consigli comunali dei singoli paesi per esporre comuni necessità o chiedere I’adozione di provvedimenti amministrativi. E’scritto negli statuti dei Comuni e delle Province. Non si è trattato dunque di esprimere solo un “no” ad un’opera, ma di formulare precise richieste agli enti interessati alla tutela dei cittadini nei confronti degli impatti del potenziale impianto di compostaggio. Le richieste sono, in sintesi, le seguenti: . all’Amministrazione provinciale di Bergamo: di attivarsi in favore della soluzione-zero, cioè l’adeguamento dell’impianto di Calcinate e la preservazione del suolo agricolo telgatese; . alle Amministrazioni comunali dei paesi interessati: che si oppongano in tutte le sedi alla realizzazione del progetto dell’impianto di compostaggio in località cascina Casletto; . all’Amministrazione comunale di Telgate, nello specifico: che dia seguito all’istituzione del Parco Locale di interesse Sovracomunale (PLIS) sull’area a sud del Comune stesso; . alla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Lombardia: che si adoperi al fine di garantire la tutela del nucleo storico di cascina Casletto, interagendo con il Continua a leggere

E’ nato il Meetup Franciacorta!!

E’ con immenso piacere che vi comunichiamo la nascita di un nuovo e utilissimo punto di incontro: Il Meetup Franciacorta !

Il Meetup è uno strumento di diffusionedenunciaconfronto; un luogo virtuale dove poter parlare, confrontarsi su temi come ambienteenergiasanitàpoliticagiustizialavoromobilitàinformazione ed altro ancora. E’ uno strumento tramite il quale organizzare azioni comuni, dove poter discutere, aprire discussioni e commentare liberamente. La Rete, tuttavia, è solo il punto di partenza:  l’obiettivo è il confronto nella vita reale.

Il Meetup è un semplice gruppo di comuni cittadini, volontari, attivisti dalle diverse  idee che impiegano il proprio tempo libero per offrire la propria professionalità – o semplice passione – al servizio del bene comune, promuovendo una nuova cultura, spontanea e consapevole, che fa dell’informazione, del confronto e del rapporto diretto con la cittadinanza le sue caratteristiche principali.

Una rivoluzione culturale che nasce dai cittadini PER i cittadini stessi, il cambiamento che vogliamo vedere nel mondo deve partire da noi per primi !

Il Meetup nasce dall’esigenza di poter realmente interagire e mettere in contatto le persone che si interessano del proprio territorio e della propria vita. Il Meetup è di tutti: è dei cittadini, delle associazioni, comitati, a tutti coloro che da anni operano sul territorio e a chi desidera intraprendere un cammino comune, nella minore dispersione di forze possibile.
Meetup vuol dire passione, forza, sostegno, comunicazione, voglia di cambiare, voglia di mettersi in giocovuole essere il luogo di nascita dei nostri progetti, l’incubatrice dei nostri sogni e speranze, il mezzo tramite cui ricostruire il senso di comunità, per creare aggregazione, nuovi affetti e conoscenze con le quali condividere battaglie comuni con il fine di riappropriarci del futuro che ci è stato rubato.

Siamo studenti, impiegati, liberi professionisti, coppie, single, genitori, figli, elettori, cittadini. Siamo persone con molte idee per la testa e con tanta voglia di potersi esprimere, di dire la propria opinione e siamo soprattutto persone che vogliono comunicare con gli altri, ascoltare, confrontarsi per poter fare qualcosa insieme… per cambiare  il nostro futuro!

Emanuela Salogni per Palazzolo5stelle

L’ORTO IMPOSSIBILE

Realizzare orti urbani oggi è come scoprire l’acqua calda, infatti ci sono parecchi comuni in Italia dove tutto ciò è una realtà, vuoi per dare un’impronta verde al comune o per necessità per far fronte alla crisi, questa pratica sembra essere molto usata, basta pensare che in molte città metropolitane vengono realizzati anche sulle terrazze di condomini o sui balconi nelle varie forme: in orti-comunali1vasi, recipienti quadrati, fioriere e perfino in verticale.

I vantaggi nell’ avere un orto sono molteplici e articolati a secondo delle motivazioni per le quali si decide di realizzarne uno:

  • prima di tutto direi la qualità del prodotto, sano se si coltiva in modo biologico senza l’uso di pesticidi diserbanti e concimi di sintesi, fresco perché l’ortaggio o frutto lo si lascia maturare fino al suo naturale ciclo e quindi pieno di proprietà vitali benefiche quali vitamine, sali minerali e altre sostanze che la pianta riesce a sintetizzare nei tempi di maturazione naturali col beneficio del sole, assimilabili in maggior quantità quindi più nutrienti rispetto ai prodotti da mercato o della grande distribuzione che li raccolgono a volte molto prima del tempo per poi, nella migliore delle ipotesi, lasciarli maturare in celle frigorifere.
  • Il risparmio è senz’altro un aspetto importante, il risparmio personale incide tantissimo nella spesa mensile di una famiglia, a secondo del tipo di alimentazione si potrebbe risparmiare il 20-35% per una famiglia “tipo”o anche il 60-70% per una famiglia di vegetariani, non ultimo ma importante il risparmio collettivo in termini ambientali mediante la minor circolazione delle merci e di mezzi per trasportarle.
  • Vantaggi ambientali appunto e non solo, con la minor circolazione delle merci si ha di conseguenza risparmio sui carburanti meno traffico e inquinamento per le strade, un minor sfruttamento della terra da parte dei grandi produttori favorirebbe meno uso di soluzioni chimiche, pesticidi e concimi che impoveriscono e ammazzano i terreni, vi ricordo che secondo il metodo Fukuoka  la terra è in grado di generare humus ed è viva solo quando la sua flora e la sua fauna stanno bene. Inoltre con un buon uso degli scarti vegetali usando una concimaia o composter si ottiene concime naturale sano e minor smaltimento in discarica di immondizia.

Per i privati? Nessun problema se l’orto lo si fa all’interno del perimetro della propria casa, se invece non si ha lo spazio necessario come in molte abitazioni condominiali o a schiera realizzare un orto in altra locazione comporta molti problemi di ordine tecnico-burocratico e con le vigenti regole non è possibile realizzarlo.

Palazzolo:

L’approvazione del recente P.G.T. in un lungo consiglio comunale durato molte ore non ha tenuto conto, a causa della mancanza di osservazioni inoltrate, della possibilità di permessi per la realizzazione di orti in luoghi non contigui alla pertinenza abitativa e nemmeno della possibile creazione di orti comunali, la scarsa informazione in connubio con il disinteresse generale dovuto forse alla complessità tecnica della stesura stessa del P.G.T comprensibile solo agli addetti ai lavori non ha consentito ai cittadini di proporre istanze atte all’introduzione di normative che avrebbero regolato la creazione di orti.

Le norme attuali approvate recentemente nel P.G.T.  alla sez, Capo II pag. 74, prevedono la possibilità di costruzione di casette-ricoveri per attrezzi e di cisterne per il recupero di acqua piovana solo se si è coltivatori diretti o allevatori precludendo di fatto al resto dei cittadini privati ogni possibilità di realizzazione di tali strutture, A.O.B.2, la municipalizzata che gestisce la rete idrica, per giunta in base alle regolamentazioni dell’A.A.T.O provinciale, come specificato nell’allegato 2 alla Deliberazione n. 2 dell’Assemblea Consortile dell’8 maggio 2009 Art. 2.10 – Consumi non domestici, (scarica dal sito) vincola, sempre per uso privato, al divieto di erogazione di acqua ad uso irriguo.

Praticamente è impossibile la realizzazione di un orto da parte di privati.

A questo punto, facendo appello ai nuovi legislatori a livello nazionale e regionale o se di pertinenza al comune di Palazzolo, ci si augura che si possa provvedere il prima possibile alla revisione o all’introduzione di norme consentendo ai cittadini, dopo previa approvazione e sopraluogo, di concedere permessi per realizzare le strutture minime necessarie per le attrezzature con possibilità di erogazione di acqua necessaria o finanziamento sotto forma di sgravi fiscali per la costruzione di invasi di recupero acqua piovana senza la quale sarebbe impossibile qualsiasi coltivazione di orti fuori della pertinenza abitativa e in aree considerate agricole e piccoli appezzamenti.

 

Angelo Borgogni

VIA SONDRIO DI NUOVO DISCARICA

A

Ci risiamo!

Via Sondrio, zona fuori mano sul confine tra Palazzolo e Capriolo, dopo la scoperta dell’abbandono di un pacco di eternit la scorsa primavera, ancora rifugio di materiale pericoloso abbandonato da chissà chi.

Questa volta però in area privata, proprio appena dentro la rete di confine dell’area diventata un boschetto per l’abbandono da parte del proprietario, un pacco di onduline simili a eternit e un poco più all’interno proprio altri eternit, questa volta veri, parzialmente occultati da un  cellofan.

Sollecitiamo quindi gli organi preposti del comune ad avvertire il proprietario degli avvenuti sversamenti di materiale pericoloso prima che la crescita imminente della vegetazione ricopra tutto.

Staff Palazzolo5stelle

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: