• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 312.611 accessi
  • Categorie

COME SI VOTA

(clicca sull’immagine per ingrandire)

Le operazioni di voto per le elezioni del sindaco e del consiglio comunale si
svolgeranno, in occasione del primo turno di votazione, dalle ore 8 alle ore 22 di
domenica 6 maggio 2012 e dalle ore 7 alle ore 15 di lunedì 7 maggio 2012.

Sarà sufficiente tracciare una “X” sul simbolo del moVimento 5 stelle.

Facciamo inoltre presente che è possibile effettuare il voto disgiunto, le istruzioni in questo video ben illustrato
dagli amici del moVimento 5 stelle di Napoli.

Passate parola!

Staff

La strategia economica? Il risparmio e l’eccellenza

Questa presentazione richiede JavaScript.

I nostri nonni lo conoscevano bene il valore del risparmio. Chi vive la povertà sa quale sia l’importanza delle briciole, ma chi si crogiola nell’abbondanza e nello sperpero non immagina cosa significhi, non concepisce né comprende i potenziali del risparmio. Negli ultimi 20 anni l’idea del risparmio è stata associata all’idea di povertà: risparmiano i poveri… noi diremmo piuttosto che sono i furbi a farlo!
A Palazzolo, come nel resto del Paese, si spendono cifre enormi per gestire i costi di riscaldamento delle strutture pubbliche. Questi fabbricati, (scuole, palestre, etc.), non sono del sindaco o degli assessori bensì nostri, di ciascuno di noi in parti uguali, per questo motivo siamo noi a pagarne le spese. In un anno a Palazzolo spendiamo circa (stima basata sulle superfici) 1.000.000 di euro, che tradotti in concreto per ogni abitante significano circa 50 euro annui, una cifra che detta così non ha grande effetto: 50 euro all’anno sono 4 euro circa al mese, cioè 0,01 centesimi al giorno. Scaldare le nostre scuole in fondo non ci costa poi molto voi direte, ma proviamo a fare un ragionamento diverso considerando quanto potrebbero valere quei 50 euro spesi per bruciare combustibile se investiti diversamente. Consideriamo allora quanto ci costerebbe dare un assegno ad una famiglia con in casa un anziano in difficoltà, o una madre senza marito costretta al part-time per via dei figli, o ancora un bonus scolastico di 500 euro mensili. In un anno spenderemmo 6.000 euro che tradotti anch’essi in concreto per ciascuno significano 0,18 euro all’anno. È evidente la sproporzione: 50 euro contro 0,18 centesimi!

Provate ad immaginare cosa sarebbe tagliare questa spesa di 50 euro pro capite annualmente e tradurla in liquidità da rimettere sul territorio. In sostanza potremmo beneficiare di quasi un milione di euro per supportare le famiglie, per sviluppare idee di innovazione etc. Sono tante le cose fattibili e sarebbero da valutare secondo le esigenze della collettività. Sarebbe una manna dal cielo, questo frutto del nostro risparmio. Ecco perché crediamo fondamentale investire sul nostro territorio. Perché dobbiamo dare i nostri soldi all’ENI e alla Russia comprando gas? Noi vogliamo che restino qui, che servano a migliorare le nostre vite, i nostri servizi, a dare assistenza ai nostri nonni, ai bambini e alle loro mamme ad esempio. Invece paghiamo e bruciamo materie in via di esaurimento e inquinanti che si traducono in danni per la nostra salute. Siamo proprio ciechi? O siamo solo stati male amministrati fino ad ora?

Ci sono esempi concreti incredibili. Un esempio clamoroso è la sede della provincia di Bolzano. Prima dell’intervento costava alle tasche dei cittadini 90.000 euro all’anno, dopo i lavori, benché l’edificio fosse stato alzato di 2 piani, la spesa è scesa a meno di 5.000 euro all’anno. 90.000 contro 5.000. Certo c’è un costo di investimento iniziale, ma si ammortizza rapidamente anche grazie al continuo aumento del costo dell’energia; una volta ripagato l’intervento però, considerato che gli edifici hanno una durata trentennale, significa che potremo godere del risparmio subito dopo. La percentuale di guadagno è elevatissima. Nessun investimento da una resa del 230%. Questo è il potere economico del risparmio!

Investire sull’efficienza energetica è la strategia dei nostri nonni che avevano poca energia e le case le facevano belle grosse, con pochi buchi e ben studiate per il sole. È la strategia di chi fa con quello che ha. E chi più dell’uomo del XXI secolo che possiede sapere, informazioni, tecnologie per ottimizzare i consumi, può creare una politica del risparmio? Non come costrizione, ma come vantaggio economico e ambientale.

Si tratta purtroppo dei soliti interessi di lobby; ci stanchiamo di dirlo, ma tutto questo è evidente, dimostra che il potere delle lobby dell’energia ha condizionato la politica al fine di non migliorare l’efficienza, in modo da renderci schiavi della dipendenza dal gas. Altrimenti perché i nostri amministratori non hanno mai pensato di ridurre questi sprechi? C’è un potenziale economico e d’indipendenza del Paese… perché fare la TAV quando potremmo spendere i nostri milioni in risparmio per tagliare i nostri costi e le nostre tasse e rimettere liquidità data dal risparmio nella finanza del Paese? E poi perché quando sono stati realizzati nuovi edifici pubblici non hanno fatte le cose al meglio, ad esempio rispettando le direttive del risparmio?

Adesso c’è la moda del fotovoltaico e tutti tronfi si riempiono la bocca… Ma il fotovoltaico non è la soluzione finale. È necessario prima tagliare il fabbisogno energetico perché se ho un colabrodo come edificio che continua a perdere dai buchi, dovrò continuamente rimettere energia e il sole non basta in questo sistema. Serve prima TAGLIARE LO SPRECO, poi pensare a come sostituire il gas o il petrolio. Ecco che allora in un edificio passivo con pochi metri quadri di fotovoltaico ottengo immediatamente l’indipendenza energetica. Posso evitare di allacciarmi al gas ad esempio e la superficie fotovoltaica è inferiore se inferiore è il fabbisogno. Va considerato che la produzione di fotovoltaico ha a sua volta dei retroscena ecologici, per questo bisogna calibrare coerentemente le scelte e non credere che con un solo sistema si risolvano i problemi. Sono molteplici le strategie dell’efficienza da attuare e gli steps fondamentali sono due: ridurre il consumo e sostituire il gas con il sole!
Sta a noi capire cosa sta accadendo, aprire gli occhi, chiedere informazioni e pretendere che chi amministra il bene pubblico abbia davvero a cuore l’interesse pubblico quando deve fare le scelte.

Elena Scaratti per Palazzolo5stelle

Campagna ecologica ed economica

Questa presentazione richiede JavaScript.

Una campagna elettorale con tanta volontà e poco budget è sempre una bella sfida; nel nostro caso, è servita a provare con mano la collaborazione e la differenza delle varie personalità. Pochi soldi, tanti impegni, corri di qui e di là, la casa, lo studio, sembra la storia di una famiglia qualsiasi, non la nostra campagna elettorale. Quando la politica è partecipazione vediamo l’impegno condiviso al fine di raggiungere gli obiettivi; il nostro è vincere le elezioni, contro ad ogni chance, anche da sognatori, perché crediamo nell’idea di cambiamento e lo desideriamo così tanto da essere mossi a scendere in campo in prima persona. Ciascun cittadino del movimento è pronto a giocare il suo ruolo. Se così non fosse, che cambiamento potrebbe mai esserci davvero? Se continuassimo a demandare agli altri di fare per noi, così da poterci piangere addosso quando le cose vanno male, dando la colpa al politico, che razza di responsabilità avremmo noi? Una gravissima: il non aver fatto la nostra parte. E qual è la nostra parte? Vegliare, ricordare, controllare, chiedere, verificare, come fa una mamma o un papà che ha a cuore i suoi bambini, la casa in cui vivono, il lavoro che hanno etc. Quando le cose vanno male è perché qualcuno non fa la propria parte. In fondo è colpa di tutti noi cittadini se le cose sono andate così fino ad oggi; se la nostra terra è diventata un buco pieno dei nostri rifiuti o un deserto di cemento, tra parcheggi e capannoni dove non crescerà più nulla! Siamo appestati di consumismo, la nostra nuova decimatrice con il cancro ai polmoni, al cervello, le asme infantili e le mille forme di malesseri fisico, psicologico e sociale prodotto da questo nuovo contesto. Una macchina che produce soldi gestiti da pochi e appesta il territorio, avvilisce le persone, le rende nemiche, le divide. Dividi et impera, di questo si nutre la politica dei politici.

No, noi ci opponiamo a questo sistema schiavo della finanza che non produce, ma specula, che distrugge risorse, fomenta diaspore e lotte. Da cittadini, privi di ogni conoscenza dei giochini di palazzo, ma con l’umiltà e la voglia di essere bravi padri di famiglia ci assumiamo la responsabilità di partecipare alla gestione del nostro paese. La prima cosa da fare è la più semplice, a meno di essere ipocriti chiacchieroni in campagna elettorale: tagliare i costi della politica. Il nostro movimento aveva diritto a ricevere i rimborsi elettorali. Avremmo preso, come movimento nazionale 1.500.000 euro circa, di una fetta enorme che mangeranno i soliti PDL, LEGA, PD, UDC, IDV e compagnia bella. Le nostre tasse usate per pagare la pubblicità sui giornali delle loro campagne elettorali? Quando ci sono persone con gravi problemi o servizi mal funzionanti, o mille altri problemi. La pubblicità elettorale? Si, le nostre tasse pagano in questi giorni i rimborsi elettorali. Davvero non capiamo perché Grillo sbotta in continuazione? E come potrebbe diversamente? Se rigor Monti ci dice che deve tagliare di tutto di più, come puoi prenderlo sul serio se non taglia i costi della pubblicità elettorale? Non c’è cosa più ipocrita di questa.

Anche a noi sarebbero stati comodi i finanziamenti, per comprare i banner sui giornali, per fare il telemarketing, per mettere il nostro spot su qualche sito web d’informazione, per avere manifesti fatti bene in tutte le bacheche durante tutto un mese. Ammettiamolo, rispetto a PDL, LEGA, PALAZZOLO CAMBIA & + PALAZZOLO, PD noi siamo dei pezzenti, con le toppe al fondo dei pantaloni, ma siamo orgogliosi perché a differenza di loro, noi il taglio lo abbiamo fatto subito, non dopo l’elezione; questo ci penalizzerà, ma da cittadini per i cittadini sappiamo di avere fatto la scelta giusta.

Abbiamo auto prodotto quasi tutto il materiale, riciclando manifesti vecchi, facendo porta a porta a piedi o in bici; la partecipazione volontaria è stata ed è la nostra forza.

Elena Scaratti per Palazzolo5stelle

POSTEGGI EVENTO GRILLO

I parcheggi per l’evento sono: 1. P torre del popolo; 2. Castrina; 3. Condominio del sole dietro biblioteca zona mura. Qui sopra la mappa. Aiutateci a non creare problemi al traffico locale visto che sarà un’ora di punta. GRAZIE!

Staff

BEPPE GRILLO A PALAZZOLO!

Stanchi del logorio della vecchia politica?


Mercoledì 18 Aprile, dalle 17.30 presso il Parco delle Robinie/Metelli (Via Sgrazzuti di fronte all’Ospedale) ci presenteremo a tutti voi Palazzolesi e non, per parlare della nostra Lista Civica “Palazzolo5stelle”. Parleremo di Palazzolo, per confrontarci con tutti voi e per raccontarvi le nostre idee e i nostri progetti. Ci sarà ad inizio serata un laboratorio di riciclo creativo per bambini seguito da un Pop-up Lub per adulti (tutto da scoprire!!), una performance di danza, il tutto con il sottofondo di una band musicale che ci accompagnerà fino all’arrivo sul palco di Beppe Grillo previsto per le 19. Ovviamente l’accesso all’evento è LIBERO, gratuito! Quello che desideriamo è di darvi un assaggio del nostro progetto per Palazzolo e di farvi divertire facendovi trascorrere una piacevole serata in nostra compagnia e quella di Beppe. L’evento durerà fino alle 20.00 circa.

NB: i parcheggi per l’evento sono: 1. P torre del popolo; 2. Castrina; 3. Condominio del sole dietro biblioteca zona mura. A breve la mappa precisa. Aiutateci a non creare problemi al traffico locale visto che sarà un’ora di punta. GRAZIE

Vi aspettiamo numerosi!!!!

Iscriviti all’evento Facebook 

seguici sulla ns pagina ufficiale FB

IL MOVIMENTO CONTRO IL MEGACENTRO

Il Movimento 5 Stelle di Palazzolo – associazione di privati cittadini senza interessi, da sempre contrario all’opera – oggi così come ieri, sostiene il Comitato Contro il Megacentro Commerciale di Quintano con la convinzione di fermare un inutile opera e di anteporre il diritto alla salute e la tutela dell’ambiente al denaro.

Il Consiglio Comunale, svoltosi a Cividino, prevedeva l’approvazione alla variante del Megacentro commerciale.

L’approvazione è arrivata dopo un Consiglio surreale, dove dapprima viene bocciato il subentro di un consigliere di minoranza della Lega Nord (che per protesta esce dall’aula) lasciando che il 4° punto all’ordine del giorno sulla variante al Megacentro fosse affrontato senza contradditorio dalla maggioranza.

Abbiamo assistito quindi all‘approvazione della variante che amplia notevolmente le dimensioni di un’ opera inutile e dannosa, che ricadrà sulle nostre comunità per i prossimi 40 anni.

Da diretti sostenitori del Comitato contro il Megacentro commerciale ci siamo rammaricati e sentiti offesi dall’amministrazione che ha snocciolato le osservazioni senza leggerne l’intero contenuto, ma semplicemente facendone sintesi sommaria e molto imprecisa, snaturandole da un contesto di logica, date e riferimenti. Così è avvenuto anche per le altre osservazioni fatte da Legambiente e da qualche gruppo di cittadini.

Anche per le ossevazioni del Comune di Palazzolo lo schiaffo inflitto è stato forte, sia perché tutte bocciate seguendo l’iter delle altre proposte, sia perché dell’ex amministrazione Palazzolese nessuno era presente in aula a difendere le osservazioni e  capirne le motivazioni. La nostra presenza ha potuto dar testimonianza di come spesso le forze politiche della nostra città, siano sensibili a determinate tematiche solo in modo parziale e sommario, senza convinzioni ma per pura convenienza elettorale e propagandistica.

Non ci arrenderemo come Movimento 5 stelle, di fronte alle prove di forza dimostrate dall’amministrazione di Castelli Calepio e continueremo a vigilare ed a riproporre la possibilità che l’opera venga fermata, attuando tutte le possibili azioni. Dopo l’esposto alla procura di Bergamo fatta dal Comitato ed in attesa di sviluppi continueremo a:
 
– richiedere informazioni sulla società Policentro Spa
– organizzare manifestazioni e presidi in concerto con i cittadini, il comitato, le forze politiche e chiunque sostenga la causa
– organizzare incontri per stabilere come controllare le opere di bonifica
– continuare a sostenere il comitato nella possibilità di trovare la soluzione per vie legali tramite gli avvocati
– informare i cittadini dei pericoli di quest’opera
Entro 60gg della pubblicazione dell’approvazione della variante il Sindaco di Castelli Calepio ha promesso l’inizio delle attività di bonifica e ne ha concordato la fine entro un anno.
Palazzolo è una zona martoriata dal consumo di territorio, mostri di cemento che con la crisi sorgeranno, nuove zone da bonificare, traffico, inquinamento e appiattimento dell’offerta dei consumi. Sono il regalo della politica di interessi praticata dalle precedenti amministrazioni a discapito della nostra e delle future generazioni.
Il Movimento 5 stelle si oppone da sempre e continuerà per il bene di tutti ad opporsi a questa politica; sostenerci, è nell’interesse di tutti.
Matteo Piantoni per Palazzolo5stelle.com

Conferenza stampa gruppi 5 Stelle prov. Brescia

Sabato 31 marzo alle 11.00 si è tenuta la conferenza stampa congiunta delle liste civiche di Desenzano del Grada, Palazzolo sull’oglio e Gussago.

Presso la sede dell’Ass. Ricomincio da Grillo –  si sono riuniti alcuni giornalisti e membri dei moVimenti per ascoltare Luisa Sabbadini – candidata sindaco a Desenzano,  Angelo Scaratti -candidato per Palazzolo – e Mara Rolfi – candidata per Gussago.

Noi tutti preferiamo però chiamarli  “portavoce” anziché “candidati sindaco” perché il loro ruolo non sarà quello di fare da guida, di essere leader, ma sarà quello di essere semplici terminali di una rete aperta di cittadini, un canale informativo costante da e verso le istituzioni.

All’incontro ha partecipato anche Vito Crimi che ha posto le domande ai candidati. Si è parlato dei requisiti dei candidati: liberi cittadini incensurati, nessuna tessera di partito e non aver mai svolto più di un mandato amministrativo; ma si è parlato anche di chi siamo, di cosa vorremmo, di cosa siamo stufi e quali siano i nostri progetti. Il nostro portavoce Angelo Scaratti ha raccontato invece in anteprima il nostro programma, alcuni dettagli, le linee guida.

Si è voluto ribadire più volte il fatto di essere semplici cittadini stufi del vecchio modo di fare politica clientelare ed affarista senza scrupoli alcuni verso i cittadini e l’ambiente. Quindi la politica come volontariato per “svolgere un servizio” di pubblica utilità e non l’iniziare una carriera politica.

Alla fine della presentazione dei portavoce-candidati c’è stata anche la telefonata in diretta con Beppe Grillo, per definire la situazione attuale delle cose e per dare un “in bocca al lupo” generale ai MoVimenti annunciando quindi la partenza del suo tour per l’Italia a sostegno delle liste civiche. Verrà anche qui Grillo, a Palazzolo (mercoledì 18 aprile) come a Desenzano per attirare l’attenzione, come suo solito, verso un MoVimento che ha comunque bisogno di visibilità in un’era -purtroppo – ancora dominata dall’informazione di massa dai quali veniamo puntualmente oscurati. Quindi ben venga la pubblicità GRATUITA che ci offre Grillo, perchè a spese sue andrà in tutta Italia ad aiutare le liste civiche.

Di seguito il file audio della telefonata di Grillo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: