• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 312.031 accessi
  • Categorie

Meno 4 giorni all’evento

Vi alleghiamo la locandina dell’evento del 04 Novembre “Afghanistan, 10 anni di guerra”.

OGGI 7.000.000.000 DI UMANI SULLA TERRA

Da pochi giorno siamo in 7 miliardi sulla terra, davanti ad un evento simile viene da chiedersi cosa tutto ciò abbia prodotto e cosa ne sarà del nostro pianeta.

Durante una corrispondenza privata con il mio amico Matteo è nata una riflessione spontanea, magari pensando alla vita quotidiana che tutti, in un modo o nell’altro, conduciamo in questa società tutt’altro che sana.

Dicevo, una riflessione spontanea è nata in Matteo e anche in me: “Pensa che tutti potremmo avere una casa, una vita decente, salutare, con energia pulita e con la pace. Un pezzo di carta colorata ci rende schiavi, malati e poveri. Era quello che voleva dirmi il mio cane Lucky con lo sguardo, tutte le mattine quando andavo a lavorare e stirandosi si girava dall’altra parte. Alle volte ho letto in quegli occhi anche: “io non riesco a parlare, ma tu sei un pirla”.

Angelo Borgogni per palazzolo5stelle.it

Giardinaggio selvaggio!

Da Paesaggi di Decrescita

Il  4 novembre si sta preparando il primo attacco nazionale sincronizzato di guerrilla gardening, su iniziativa dei gruppi Badili Badola di Torino e Giardinieri Sovversivi Romani .

E’ un evento nuovo  nel panorama del nostro paese, che tenta di coordinare e mettere in rete “attacchi verdi”, che generalmente si consumano in modo sporadico, non connesso, nei più vari contesti, con caratteristiche diverse, e con (talvolta) sconfinamenti nel green-design e qualche deriva “eco-chic”.La storia della greenguerrilla  ha ormai più di qualche decennio: i primi furono i “Peace Corps-types from the Post-Flower Power Generation”, che negli anni Settanta, lanciando palline di natale e palloncini riempiti di terra e semi in un lotto abbandonato, lo trasformarono in un giardino.

Nel nostro paese questa “attività sovversiva” è stata importata recentemente, in seguito al successo del libro di Michela Pasquali sui giardini di Loisaida, quartiere degradato nel Lower East Side di Manhattan, divenuto oggi il garden district di New York, per merito di un fenomeno spontaneo di partecipazione e di autorganizzazione dei cittadini.Il movimento guerrilla gardening trae spunto dai cugini statunitensi, ma si pone in modo più soft nei confronti dell’ambiente urbano: niente espropri o occupazioni di vacant lots, ma una resistenza attiva al degrado attraverso piccoli atti dimostrativi di “giardinaggio libero d’assalto”.

Le caratteristiche essenziali di un attacco sono: sorpresa, anonimato, progettazione minuta dell’intervento, scelta accurata delle piante, eventuale uso di seed-bombs, pianificazione della gestione successiva all’attacco e, perché no, un pizzico di irriverenza.Ma ognuno è libero poi di declinarle a modo suo.Si tratta, nella maggior parte dei casi, di azioni semplici, di una sorta di flash mob verdi che non pretendono di cambiare il mondo, ma tentano di persuadere gli scettici che una altro mondo (urbano) è possibile.

Azioni che rivendicano cura, bellezza, amore per i propri paesaggi di vita, convinti che anche un fiore può fare la differenza, e cambiare il nostro sguardo sulle cose.Ma dove sta la novità di questo evento? Quali gli obiettivi, le strategie, i fini?

Credo che la forza di questo “attacco congiunto” stia nella semplicità di un’onda di indignatos che, come altri movimenti simili che attualmente manifestano in molte parti del mondo, rivendica etica, bellezza, attenzione, responsabilità.Una operazione di giardinaggio “spontaneo” basato su iniziative locali, ma con lo sguardo puntato su cambiamenti globali.Quale sarà l’esito di questo sforzo di democrazia-verde diretta, di questo vento nuovo che inizia un po’ ovunque a soffiare?

Difficile da prevedere. In ogni caso sarà un modo per cercare di innescare un processo educativo, per promuovere non solo luoghi e spazi verdi, ma soprattutto attenzioni.

Per gridare in tanti, per un giorno, in tutto il paese: stay green!

Per maggiori informazioni: http://www.guerrillagardening.it/

4 Novembre, presso la Sala Civica.Una riflessione sui dieci anni di guerra in Afghanistan

Stiamo organizzando una serata di contro-informazione sui dieci anni di guerra in Afghanistan.

Vogliamo dare la possibilità ai cittadini di avere informazioni diverse da quelle esposte dai mezzi di comunicazione convenzionali e dai convegni locali, creando un momento di dibattito e approfondimento, per dare la possibilità a tutti di formarsi un’opinione personale più obiettiva e imparziale sulla difficile e controversa situazione afghana.

Ospiteremo Marco Garatti, che ha vissuto e operato in Afghanistan per nove anni, ed altri esponenti di Emergency, che ci parleranno della loro esperienza, poi proveremo a fare il punto sui dieci anni di guerra e sulle conseguenze sociali ed economiche.

L’incontro avrà luogo Venerdì 4 Novembre alle 20.45 presso la Sala Civica all’interno del Comune di Palazzolo in Via Torre del Popolo, 2. Entrata libera.

Iscriviti all’evento facebook

Staff Palazzolo 5 Stelle

Contro la crisi niente, poche misure e sbagliate

Da Sbilanciamoci.org

Il DDL presentato dal governo lo scorso 14 ottobre per la “legge di stabilità del 2012” è completamente evanescente. Ci sono poche misure e quasi tutte sbagliate ed inique.  Di fronte ad una crisi economica così grave -ha dichiarato Giulio Marcon, portavoce della campagna Sbilanciamoci!- servirebbero ben altre misure con due obiettivi fondamentali: proteggere i redditi e le condizioni materiali di vita di larghi strati del paese e rilanciare l’economia. La riduzione del debito va fatta colpendo i grandi patrimoni, le rendite, i mercati finanziari Tutto questo non c’è nella legge di stabilità”.

La legge di stabilità aumenta i soldi alle scuole private (+242 milioni) e alle università private (+20 milioni), taglia più di 1000 posti di lavoro (bidelli, segretari/e) nella scuola e dà solo pochi milioni per il diritto allo studio, toglie 1 miliardo agli ospedali (da ristrutturare e bisognosi di manutenzione), dà altri soldi all’autotrasporto privato e toglie risorse (-60 milioni) alla polizia e alle forze di sicurezza. Però – grazie ai maggiori incassi derivanti dall’asta per le frequenze 4G- rimpingua le casse del ministero della Difesa e porta a 700 milioni gli stanziamenti per le missioni militari all’estero. E non poteva mancare una gabella per chi cerca un lavoro: sarà introdotta una tassa (15 euro) per chi partecipa ai concorsi pubblici.

“Si tratta -ha continuato Marcon- di scelte profondamente sbagliate e inique: si tolgono soldi al welfare e ai cittadini e si danno soldi ai militari e alle scuole private, mentre le scuole pubbliche sono senza risorse e tanti studenti bisognosi e meritevoli non possono avere accesso all’università, perchè non ci sono i fondi per le borse di studio.”.

La campagna Sbilanciamoci! ribadisce le sue proposte – tassa patrimoniale e sulle rendite, riduzione delle spese militari, cancellazione delle grandi opere per finanziare il rilancio dell’economia, salvaguardare i redditi e difendere il welfare- che daranno vita ad una vera e propria “controfinanziaria” che sarà presentata il prossimo 22 novembre a Roma.

Sbilanciamoci invita inoltre a scaricare il volantino “Contro la crisi, per la giustizia” (con le proposte della campagna) su http://www.sbilanciamoci.org, da inviare al ministro dell’economia, GiulioTremonti.

Riflessione

Riuscirà l’Italia ad uscire dal cimitero in cui ci stanno infilando questi incompetenti ladri al servizio di delinquenti patentati?
Pensate ancora che questa gente possa tirarvi fuori da una situazione che ha creato e che non ha controllato, portando a 1900 miliardi di Euro il debito? Pensate che ci sia veramente qualcuno in grado o smanioso di risolvere questi problemi tra i politici, le banche e i dirigenti odierni?
In una situazione di grossa crisi e povertà dilagante, chiedono più tasse a fronte di continui tagli al credito distruggendo le imprese, favorendo l’aumento della disoccupazione e la precarietà. Portano ad una spirale di recessione senza fine. Risparmiano su tutti i settori che danno frutti nel medio e lungo termine come scuola, sanità, ricerca, sviluppo e Capitale Umano a favore di quelle a breve termine, aumentando costantemente le tasse.
Nessuno più investe sul futuro. Nessuno ci crede, in fondo.
Il recente, triplo downrating con outlook negativo riguarda il debito a medio e lungo termine; ossia ci siamo già giocati il futuro, e non ci sarà mai un miglioramento. Appena non sarà più possibile agire tramite prelievi si venderanno, come hanno già ampiamente fatto negli ultimi 20 anni, ai privati stranieri tutti gli assets strategici italiani per riuscire a restare attaccati al treno dell’euro più che potranno. Questi incassi finiranno in paradisi fiscali e i loro titolari se ne andranno da questo Paese lasciandoci in miseria e, usciti dall’euro, toccheremo il fondo.
La soluzione più rosea è il commissariamento alla fantastica triade BCE-UE-FMI, l’altra è di instabilità e divisione del nostro stato in piccole parti, probabilmente, Nord, Centro, Sud , Sardegna e Sicilia governate da organizzazioni criminali o militari con grande disponibilità di manodopera, vista la situazione.
Indovinate ora chi governerà il futuro di questo paese? Vi do un’indizio : in questi anni l’Italia si è consapevolmente e in maniera bipartisan riempita a macchia di leopardo di ben 136 basi militari tra USA e NATO.
Visto che toccare il fondo è inevitabile, perchè arrivarci alla miseria?
Salviamo ciò che ci rimane, perchè tra pochi anni sarà indispensabile per non finire in una di quelle due soluzioni.
Occorre lanciare raccolte di firme tra i cittadini, per dichiarare che il popolo sovrano non riconosce e non riconoscerà mai le cessioni, avvenute o a venire, agli stranieri di assets strategici italiani, includendo banche, energia, informazioni, alimentazione, trasporti, sanità, acqua e materie prime. E che riterrà personalmente e illimitatamente responsabili tutti coloro che vi parteciperanno.
Matteo Piantoni per Palazzolo 5 Stelle

DIGITAL DIVIDE

Mentre il mondo piange la morte del padre dell’iPad, il governo indiano lancia un tablet ultraeconomico da 35 dollari destinato agli studenti delle università del subcontinente.

“I ricchi hanno accesso al mondo digitale, mentre i poveri ne sono esclusi: Aakash porrà fine al digital divide”, ha dichiarato il ministro indiano dell’Istruzione, Kapil Sibal.

L’Aakash (‘Cielo’ in hindi), sistema operativo Andoid 2.2 Froyo e schermo da 7 pollici (risoluzione 800×480), è stato progettato dall’Indian Institute of Technology in collaborazione con l’azienda britannica DataWind, e viene fabbricato in uno stabilimento di Hyderabad.

Il governo indiano acquisterà milioni di pezzi che verranno distribuiti alle università. Il dispositivo sarà presto messo anche in vendita, pure all’estero, con il nome ‘UbiSlate’ a circa 60 dollari.

Da : peacereporter.org

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: