• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 301,867 accessi
  • Categorie

ECCO PERCHE’ LA TAV E’ INUTILE E COSTOSA

CLIKKA PER SEGUIRE IN DIRETTA LA MANIFESTAZIONE IN VAL DI SUSA

Perché la TAV della Val di Susa non è un’opera prioritaria e strategica lo ha spiegato in una trasmissione radiofonica ilprofessor Marco Ponti del Politecnico di Milano. Basterebbero pochi dati ufficiali per approdare ad un’analisi costi-benefici che renderebbe questo progetto non solo inutile, ma anche molto costoso per la collettività.

Tratto da Qualenergia

di Leonardo Berlen

I numeri sulla bontà del progetto TAV della Valle di Susa sono spesso acriticamente valutati dalla politica e dalla stampa. Si parla troppo poco di costi-benefici (così come degli impatti sull’ambiente locale), e pochi dei fautori dell’opera ribattono con efficacia sui dati che i contrari impugnano. L’argomentazione ripetuta dai favorevoli, come uno disco rotto, è che questa è un’opera prioritaria per il Piemonte e per la nazione intera e che non possono certo essere gettati al vento le risorse messe a disposizione dall’Unione Europea.

In una trasmissione radiofonica di Radio24, solitamente di parte, ma spesso capace di fornire interessanti spunti al dibattito su varie vicende nazionali, come è quella curata da Oscar Giannino, mi sono imbattuto in un lucidissimo, semplice e per certi versi ineccepibile ragionamento economico di Marco Ponti, docente di Economia dei Trasporti al Politecnico di Milano, sulla questione TAV della Valle di Susa. Un’analisi non certo nuova in questo più che decennale confronto-scontro, ma stavolta possiamo dire che non veniva dai No TAV (vedi comunque: www.notavtorino.org).

Il professor Ponti in estrema sintesi ha spiegato perché non considera per nulla strategicamente prioritario questo progetto tutto incentrato sul trasporto-transito delle merci, snocciolando alcuni dati che potrebbero approdare ad una differente analisi costi-benefici rispetto a quella che potremmo chiamare “del pensiero unico” vigente.

Ponti spiega che la linea attuale ‘porta’ attualmente circa 3 milioni di tonnellate all’anno di merci. Ne potrebbe anche arrivare fino a 20 milioni di tonnellate e per alcuni anche di più. Ma finora il traffico merci su quella direttrice è andato sempre calando, anche per l’autotrasporto, perché in effetti in quell’area con la Francia scambiamo molto poco. Forse questo traffico potrà anche salire nei prossimi due decenni, ha ipotizzato Ponti, anche se con questi tassi di crescita delle merci sembra veramente difficile. Va da sé che definire questa opera prioritaria è un vero azzardo.

Peraltro questa è la posizione anche delle stesse Ferrovie dello Stato, che in realtà non avrebbero nulla da perdere dalla realizzazione di questa grande opera, anzi.

Ma chi pagherebbe?Sappiamo che la disponibilità di denaro pubblico è molto scarsa e per questo per l’esperto di economia dei trasporti, il progetto è per così dire ‘ardito’ da questo punto di vista, visto che da quell’investimento i ritorni finanziari sarebbero nulli. Il costo dell’opera dovrà essere infatti pagato da tutti i contribuenti, a meno che non si vogliano mettere tariffe elevatissime e probabilmente proibitive.

E sulla annosa questione del rischio di perdere i fondi dell’UE? Per il professor Ponti perdere il contributo dell’UE se non verrà fatta la TAV è un aspetto irrilevante. Ma l’osservazione da fare, dice, è che invece non andremmo a sprecare tanto denaro dei contribuenti. Il precedente progetto aveva una stima di costo di 22 miliardi di euro, e l’Europa ne avrebbe forse messi due. Questo nuovo progetto costa molto meno e anche se l’UE mettesse sempre circa 2 mld di €, arriveremmo al massimo ad una copertura del 15% sui costi totali. Gli altri sarebbero di certo a carico della collettività.

Quante infrastrutture sarebbero più urgenti con questo denaro? Se i tassi di crescita del trasporto merci dovessero crescere a tassi elevatissimi, oggi impensabili, ci sarebbero almeno altre 30 opere più urgenti da realizzare, perché ben altre direttrici andrebbero in saturazione molto prima, sia di valico che non di valico.

Se si guardano i numeri dei flussi di merci internazionali, per Ponti i costi per il trasporto delle merci le imprese li affrontano nell’attraversamento delle aree dense, non certo sui valichi. Il 75% del traffico e dei costi per le imprese è dovuto alla congestione delle aree dense e metropolitane, con gli annessi problemi di inquinamento. Quindi è qui che occorrerebbe intervenire, dove i problemi esploderanno prima.

Ponti ha spiegato che la congestione è il maggiore indicatore della scarsità dell’infrastruttura rispetto alla domanda. Addirittura nel traffico di lunga distanza, i maggiori costi e le strozzature si hanno proprio nell’attraversamento delle aree congestionate, e non sui valichi.

Oltre agli interessi dei pochi, in questo paese si riuscirà prima o poi a mettere sul piatto anche qualche analisi più pragmatica e un dibattito più razionale.

fonte:terranuova

Advertisements

4 Risposte

  1. connettersi con la francia ad alta velocità significa connettersi con londra e la spagna ad alta velocità, nel 2020 con il petrolio alle stelle e voli aerei supercostosi voglio andarci in tgv in europa mica con un lumaca regionale per questo si tav

  2. La TAV prevista in Val di Susa non è un treno ad alta velocità, ma un treno merci che dovrebbe trasportare in un lontano futuro carichi inesistenti e in diminuzione da un decennio sull’attuale tratta ferroviaria della Val di Susa. Esiste già, infatti, una linea merci che collega Torino a Modane completamente sottoutilizzata.
    Per questo NO alla TAV

  3. TAV=treno alta velocità persone Tac=treno alta capacità merci tir
    in val di susa il progetto comprende una doppia linea tav tac in territorio francesa da saint jean ad avreisseux solo tac per circa 25 km in tunnel

  4. prima di parlare di alta velocità bisogna essere capaci di far arrivare tutti i treni in orario,e sicuramente,agevolare i pendolari che tutte le mattine usano il treno per andare a lavorare!!! e non riescono mai ad essere puntuali al lavoro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: