• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 302,903 accessi
  • Categorie

La rivoluzione silenziosa Islandese e i media che nascondono questa notizia

Il nostro amico Juan Cañadas, ci parla della rivoluzione silenziosa avvenuta in Islandia che nessuno conosce.

E’ da mesi che siamo bombardati ogni giorno da notizie sulle rivoluzioni in Tunisia, Egitto, Libia o Siria. Ma nel cuore dell`Europa c’è un’altra rivoluzione sulla quale poco o niente si e detto. Islanda, qui i cittadadini sono riusciti, in forma pacifica, a fare dimettere il governo, a nazionalizzare le banche, a cambiare la costituzione e infine, fare pagare la crisi economica a quelli che l`hanno causata, cioè alle banche e al mercato finanziario.

Tutto inizia alla fine del 2008 quando gli effetti della crisi economica colpiscono l`Islanda e la principale banca, Landsbanki, fallisce in poco tempo. La maggior parte dei clienti erano inglesi e olandesi, e anche se Regno Unito e Olanda rimborsano i risparmi dei suoi cittadini, l’Islanda dovrà restituire questo debito mediante il pagamento di 3.500 millioni di euro, che dovrebbero pagare mensilmente le famiglie islandesi durante i prossimi 15 anni, al 5,5% di interesse.

Questa decisione ha causato le proteste dei cittadini che sono scesi in piazza davanti al Parlamento a Reykjavik, provocando le dimissioni del Primo Ministro, il conservatore Geir H. Haarden, e di tutto il suo governo in blocco, essendo il primo governo che cade vittima della crisi mondiale. Dopo il referendum popolare, il nuovo presidente, Òlafur Ragnar Grimsson, dichiara il no pagamento del debito (il NO stravince con il 93% dei voti).

Ma i cambiamenti non finiscono lì, il governo ha iniziato una ricerca per individuare giuridicamente le responsabilità della crisi, diversi banchieri e alti dirigenti islandesi sono stati arrestati. Da febbraio un`assemblea costituente sta scrivendo una nuova costituzione con più potere per il popolo e con più independenza dei poteri. Addirittura il parlamento islandese ha proposto la Icelandic Modern Media Iniciative, una legge che vuole fare dell´Islandia un posto con piena libertà d`informazione e di ricerca.

Importanti modifiche liberali dalle qualle non siamo stati informati. Ogni media è libero di scegliere le notizie , rispetto ai fatti che considera più relevanti, ma è molto strano che in pochissimi posti si sia parlato di questa rivoluzione. Nelle ultime settimane circola sulla rete la teoria della cospirazione nei media europei per nascondere questa notizia, la quale potrebbe causare un effetto domino in Europa.

Probabilmente non conviene ai governi europei diffondere l`esempio di un paese cha non si arrende silente davanti ai suoi governanti e riesce a vincere, ma questa non è neanche l`unica ragione di questo silenzio. La rivoluzione islandese è stata chiara, onesta, matura e pacifica non c’é ne sangue ne fuoco, non c’era neanche il petrolio dietro e così una rivoluzione non interessa né ai giornalisti né ai lettori, neanche ora comincia ad interessare la rivoluzione islandese, piuttosto fanno curiosità le ipotesi sul perché del silenzio sui fatti del paese scandinavo.

Ma è importante conoscere quello che è acaduto in Islanda perché sicuramente è stata una rivoluzione più spontanea rispetto alle altre che occupano le prime pagine dei giornali ormai da mesi.

Bresciapoint.it

Annunci

Una Risposta

  1. queste le le notizie che dobbiamo e vogliamo sapere……….facciamo girare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: