• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 303,663 accessi
  • Categorie

Business fotovoltaico e biogas La Provincia chiede un limite

L’INIZIATIVA. Gli assessori Stefano Dotti e Gianfranco Tomasoni sollecitano un intervento regionale
Consumo del suolo per far spazio agli impianti e granoturco usato come combustibile: «Così non va, agricoltura penalizzata»

Una «santa alleanza» tra assessorati provinciali all’Ambiente e all’Agricoltura per porre un argine al proliferare dei grandi impianti fotovoltaici (superiori al megawatt) sui fertili campi della Bassa e per ridimensionare il business del biogas, che brucia oltre ai reflui anche il mais necessario alla nostra zootecnia.
Un’alleanza annunciata ieri dai due assessori competenti in Broletto, Stefano Dotti e Gianfranco Tomasoni, che lanciano un Sos alla Regione affinchè fissi con qualche paletto legislativo l’anarchia in materia di impianti rinnovabili. Una crociata tutt’altro che ideologica quella dei due assessori, ma fatta per tutelare quel che resta della campagna bresciana dal punto di vista ambientale ed economico.
Non sono affatto contrari al fotovoltaico realizzato sui tetti di case e industrie, così come non sono contrari al biogas funzionale alle vere esigenze di smaltimento reflui degli allevatori.
Il problema è che nel 2010 e nel primo mese del 2011 si stanno facendo avanti società interessate al business del fotovoltaico da mettere laddove oggi si coltiva il mais. Altre interessate a bruciare il mais prodotto (ad oggi il 17% della produzione complessiva) negli impianti biogas, per produrre energia. Posizione perfettamente in linea con quella espressa dalle maggiori associazioni agricole bresciane.
«Vista la pioggia di domande che stanno pervenendo al mio assessorato – taglia corto Dotti – sono convinto che servano linee guida che dettino regole precise per i grandi impianti, quelli superiori al megawatt (per i quali servono 3 piò, ndr). Vista la redditività degli incentivi ci troviamo di fronte a società che vogliono acquistare aziende agricole da 200 piò e riempirli di pannelli a terra. Siamo di fronte ad un sistema che non incentiva per nulla il piccolo agricoltore, che anzi rischia di vedersi sottratti dei fondi a lui destinati. Stessa cosa vale per il biogas: nulla in contrario se realizzato per le esigenze reali di smaltimento reflui degli allevatori; il problema è che ci troviamo di fronte ad aziende di pochi ettari che installano enormi impianti, solo per fare business. Impianti che vengono poi alimentati a mais. Se andiamo avanti così nel giro di due anni il 50% del mais prodotto in terra bresciana finirà nei digestori. Potrebbe essere un colpo mortale alla nostra zootecnia».
Dotti sottolinea un altro punto: con la crisi in atto del comparto suinicolo e il miserrimo prezzo del latte alla stalla ci saranno sempre meno allevamenti. Il rischio è quello di trovarsi tra qualche anno con un numero di impianti a biogas superiore alle necessità. Con cosa funzioneranno?
«Noi dobbiamo tutelare i nostri agricoltori e la nostra zootecnia – aggiunge Tomasoni – e per questo insieme agli assessorati all’Agricoltura delle altre province lombarde abbiamo chiesto una modifica alla commissione regionale Ambiente affinché si parametrino questi impianti sulla dimensioni effettive dell’azienda agricola e sul numero di capi, per evitare speculazioni». Per Tomasoni il fotovoltaico a terra inasprisce ancor più il problema del consumo di suolo, che nella nostra provincia vede sacrificare al cemento 2,16 ettari al giorno.

Pietro Gorlani, fonte: bresiaoggi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: