• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 303,940 accessi
  • Categorie

VACANZE VERDI

L’Organizzazione Mondiale del Turismo dedicherà quest’anno il tourism day (27 settembre, in Cina) al rapporto tra turismo e sostenibilità ambientale. La consapevolezza delle forti connessioni tra turismo, viaggi e ambiente, è ormai matura. Lo hanno denunciato per primi i movimenti di critica al turismo “mordi e fuggi”, inquinante e aggressivo; lo hanno riconosciuto molti manifesti della diplomazia turistica, con in testa Onu e Unione Europea. Sostenibilità è un aggettivo che necessariamente deve legarsi all’esperienza turistica, presente e futura. Le proposte di turismo responsabile vanno in questa direzione, offrendo ai viaggiatori mete e itinerari che garantiscono il minor impatto ambientale possibile e il rispetto dei luoghi visitati. Un rispetto che parte da un confronto alla pari con gli usi e costumi delle comunità che ci ospitano e ambisce a lasciare un’impronta leggera al nostro passaggio, consumando poca acqua negli alberghi, risparmiando energie negli spostamenti (meglio la bici di un taxi) preferendo cibi prodotti in loco, magari bio. Secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite per l’Ambiente, ogni turista produce in media un Kg di rifi uti al giorno e negli hotel di lusso africani consuma dieci volte più acqua di quanta non ve ne sia a disposizione delle popolazioni locali. Quale impronta lascia un turista del genere alle sue spalle? Ma la sostenibilità si può declinare anche sul piano sociale, ricordando le difficoltà nella conservazione delle tradizioni locali e la distribuzione diseguale della ricchezza generata dalle attività turistiche (ne beneficiano poco le comunità ospitanti). Viaggiare in un modo diverso, però, è possibile. In Italia il turismo verde non sembra conoscere crisi: così come aumentano gli agriturismi e le strutture ricettive che applicano soluzioni ecologiche, crescono anche i turisti responsabili. Una nicchia in espansione, composta da viaggiatori indipendenti e organizzati, che possono per esempio cercare relax nelle fattorie del Panda, proposte dal WWF. Si tratta di agriturismi collocati spesso in aree protette (dalla riserva dello Zingaro in Sicilia alle foreste aretine, in Toscana), capaci di coniugare agricoltura, natura e sano godimento del tempo libero. Per chi ama il mare c’è l’imbarazzo della scelta tra le decine di porticcioli in cui operano gli aderenti alle associazioni di pescatori che offrono “pescaturismo”: i pescatori tradizionali ospitano i turisti a bordo dei propri pescherecci e aprono le porte delle proprie case per condividere con i visitatori le usanze marinare. Ci sono associazioni che propongono originalissimi tour a dorso di mulo e altre, come “La Boscaglia” o “Tra Terra e Cielo”, che suggeriscono percorsi a piedi tra le montagne. C’è chi pensa ai turisti di domani, come la cooperativa Atlantide, che offre gite responsabili alle scolaresche, orientate all’educazione ambientale. La ricchezza di proposte della rete di turismo responsabile è notevole. Pensare al mondo in chiave sostenibile signifi ca interrogarsi sugli effetti di lungo periodo del proprio stile di vita, composto a sua volta da molti fattori, tra cui i consumi e, fra questi, anche le spese destinate al cosiddetto “ozio organizzato” o alla scoperta di luoghi e popoli, in buona sostanza: al turismo. Scegliere la sua versione responsabile equivale a scommettere sulla bellezza del futuro.

* Presidente di AITR e Earth.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: