• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 303,666 accessi
  • Categorie

IL PATTO? STRANGOLA I COMUNI VIRTUOSI

Il giudizio nelle stanze «tecniche» dei Comuni è condiviso: la manovra sugli enti locali taglierà personale e servizi (mense, contributi scolastici, piani socio-assistenziali, trasporti, ecc). «E il difficile sarà spiegarlo ai sindaci quando dovranno fare le scelte» ammettono perplessi i funzionari impegnati a valutare gli effetti della manovra sui bilanci municipali nei prossimi due anni. Qualcuno intanto ha già provato a mettere nero su bianco i conti, come la Fondazione Ifel, l’istituto di ricerca che fa capo all’Anci il «sindacato» dei Comuni, che ha predisposto uno studio sulla nuova stretta del Patto di stabilità.

L’esame dei primi dieci Comuni della provincia conferma l’asprezza delle misure adottate, tanto da far sobbalzare più d’un amministratore. Sergio Parolini, ad esempio, assessore al Bilancio di Desenzano che secondo le proiezioni dell’Ifel si troverebbero a dover rispettare un patto di stabilità capestro, con un saldo positivo nel 2011 di quasi 4 milioni di euro pari a un taglio della spesa dell’11,9 per cento. «Impossibile, si figuri che noi rispettiamo il Patto chiudendo il 2010 con un saldo negativo di poco inferiore ai 100mila euro; il prossimo anno dovremmo arrivare a un saldo positivo di 4 milioni? Mi pare improbabile».

Riflette l’amministratore della giunta di centrodestra di Desenzano: «È un importante strumento per razionalizzare la spesa, ma applicato così finisce con il penalizzare i Comuni virtuosi». Parolini allora invita il governo «ad accogliere le richieste di modifica avanzate dall’Anci. In questi anni noi abbiamo fatto di tutto per razionalizzare la spesa, siamo riusciti a ridurre di circa 6 milioni di euro il debito, e ora il 2011ci impongono un aumento dell’avanzo del 164 per cento con ulteriori tagli di spesa, lo ritengo improponibile». E l’assessore desenzanese condivide la richiesta «di introdurre dei correttivi o di stralciare delle spese dal Patto di stabilità». Se Desenzano legge con preoccupazioni i numeri che lo riguardano non va meglio per gli altri paesi.

Lo studio dell’Ifel rileva che Rovato avrà un obbiettivo 2011 di oltre due milioni di euro con un taglio della spesa del 14,4 per cento e Darfo in Valle Camonica il cui avanzo dovrà essere di 1,394 milioni a cui corrisponde un 12,9 per cento di taglio della spesa. Patto di stabilità insomma che mette in ginocchio proprio le amministrazioni comunali più attente, insieme alle continue riduzioni di trasferimenti.

Un solo dato, tra i tanti, nel distretto gardesano il fondo nazionale per le politiche sociali è passato dai 959mila euro del 2009 ai 430mila del 2010. Le soluzioni a cui dovranno far ricorso i Comuni non consentono grandi spazi di manovra se le misure del decreto rimarranno invariate dopo l’esame parlamentare: vanno sotto il nome di tagli, anche perchè il governo ha congelato Ici e addizionale Irpef, vietando gli aumenti delle tariffe. E i mugugni crescono contro un patto che finisce con il far apparire virtuoso il saldo nazionale a spese delle amministrazioni costrette a stringere ancor di più la cinghia.

(fonte e immagini: bresciaoggi.it)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: