• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 301,389 accessi
  • Categorie

INQUINAMENTO A CHIARI: ANCHE STRISCIA NE PARLA

Inquinamento a Chiari. Ecco il video andato in onda su striscia la notizia del 11/05/2010; non si cita il nome della ditta, ma è evidente quale ditta sia: è l’unica ditta di Chiari buona visione e buon ascolto.

http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoflv.shtml?2010_05_lauda11.flv

LE NOSTRE PROPOSTE PER IL CONTROCORRENTE

In questo spazio, mentre procede la ricerca di informazioni sulle cause/responsabilità/danni dell’inabissamento del bar Controcorrente, raccoglieremo tutte le proposte di cittadini, architetti, ingegneri e addetti ai lavori sulla ricostruzione del bar Controcorrente.

L’invito è esteso a tutti. Sarebbe bello coinvolgere anche le scolaresche.

Discuteremo delle proposte pervenute sul blog tramite commento o tramite mail (da inviare all’indirizzo palazzoloa5stelle@gmail.com) e consegneremo all’amministrazione quanto raccolto.

Siamo certi della partecipazione di tutti i palazzolesi che hanno a cuore la vicenda e che sanno come tramutare la rabbia in propositivà.

Lo staff di Palazzolo a 5 stelle

LE DIECI DOMANDE

In questo spazio proseguiremo la ricerca di informazioni utili a capire cause/danni/responsabilità sulla vicenda ”inabissamento bar Controcorrente”. Riproponiamo le 10 domande, finora senza risposta, inviate all’amministrazione e invitiamo a scrivere  chiunque fosse a conoscenza di fatti o documenti utili alla risoluzione della vicenda.

1.       Chi ha progettato l’opera?

2.       Chi l’ha realizzata?

3.       Chi l’ha collaudata?

4.       Perché alla prima piena del fiume l’opera è finita così?

5.       Quanto è costata la realizzazione di questo edificio?

6.       A quanto ammontano i danni?

7.       Chi dovrà pagarli?

8.       Se si stacca cosa succede alla passerella e al ponte romano?

9.       Nel caso di rimessa a nuovo, quanto costerà e chi pagherà?

10.   Chi pagherà l’eventuale smantellamento?

(di Elena Scaratti)

>> Leggi tutta la lettera

ARRESTATO IL SINDACO DI TREMOSINE. L’ACCUSA: sistema di illegalità finalizzato al soddisfacimento di interessi privati

Denominata “Operazione Alto Lago”, l’azione dei carabinieri della Compagnia di SAlo ha portato alla notifica di due ordinanze di custodia cautelare a carico di Diego Ardigò, attuale Sindaco del Comune di Tremosine (BS), nonché funzionario della Comunità Montana Parco Alto Garda Bresciano e D.L. dipendente dell’Ufficio Tecnico LL.PP. dello stesso ente. Il primo è finito in manette, in regime di “arresti domiciliari”, mentre il secondo è stato sottoponendo alla misura cautelare “dell’obbligo di presentazione alla P.G.”.

Nell’indagine risultano coinvolti un ulteriore dipendente dell’ente, nonché tre legali rappresentanti di società appaltatrici di opere pubbliche. Sono in atto numerose perquisizioni locali finalizzate al rinvenimento e sequestro di documentazione ritenuta utile al proseguo delle indagini.

I provvedimenti sono stati emessi dal GIP presso il Tribunale di Brescia, dott. L. Ambrosoli, su richiesta del Proc. Rep. Agg. Dott. F. Salamone, al termine di una complessa indagine condotta, nell’ultimo biennio, dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Salò con quelli della Stazione di Limone sul Garda: nel mirino l’attività amministrativa che Ardigò ha svolto, negli anni 2002-2008, nell’ambito della Comunità Montana, nella quale ha ricoperto la carica di funzionario responsabile dell’Ufficio Tecnico, Lavori pubblici e Viabilità, Protezione Civile e Antincendio Boschivo. L’attività investigativa ha permesso di accertare l’esistenza di un meticoloso sistema di illegalità finalizzato al soddisfacimento di interessi privati, attraverso una gestione della cosa pubblica con totale disinvoltura e, spesso, a disprezzo totale delle leggi allo scopo di perseguire esclusivi fini economici e politici. I reati rilevati sono “peculato, falso ideologico, abuso d’ufficio, violazione del T.U. in materia edilizia”, mentre risultano n. 58 gli episodi contestati ai due soggetti sottoposti alle misure cautelari. In particolare, in molteplici casi sono state rilevate condotte penalmente rilevanti che possono ricondursi alle seguenti fattispecie:

VIOLAZIONI IN MATERIA DI CEMENTI ARMATI ED ANTISISMICA.

Le violazioni rilevate riguardano l’esecuzione di opere pubbliche edificate in violazione delle prescrizioni del D.P.R. 380 del 2001 in ordine alle opere in cemento armato ed alle costruzioni in zona dichiarata sismica, come è l’intero territorio della Comunità Montana Parco Alto Garda Bresciano, con riferimento alle quali vengono contestati ad Ardigò (progettista, Responsabile Unico del Procedimento e direttore dei lavori per ciascuna delle opere prese in esame) i reati di falso ideologico in atto pubblico per avere rilasciato certificati di regolare esecuzione delle opere anche in mancanza di atti essenziali quali le denunce, il calcolo e il dimensionamento dei cementi armati e il collaudo statico, così attestando falsamente la regolare esecuzione dei lavori e favorendo le imprese appaltatrici, poiché le stesse non hanno sostenuto costi necessari per la redazione dei calcoli in cemento armato, nonché hanno risparmiato sull’impiego del cemento che del ferro per l’armatura.

L’aspetto più grave è che gli interventi – muri di contenimento di elevata altezza su strade pubbliche o contenimento di strade e parcheggi -, risultando privi di tutta la documentazione prevista dalla normativa vigente, risultano potenzialmente pericolosi per la popolazione in considerazione che un loro sottodimensionamento potrebbe provocare un possibile cedimento strutturale. Infatti, è stato dimostrato come Ardigò inseriva nei progetti uno schema progettuale “tipo”, indipendentemente dal luogo di realizzazione e dalle condizioni, non considerando le più elementari norme di sicurezza.

ILLECITA ATTRIBUZIONE DI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE.

Le violazioni rilevate, che nell’aspetto specifico integrano i reati di “peculato e falso ideologico”, riguardano la distribuzione dell’incentivo per la progettazione a favore dei dipendenti di enti locali, di cui all’art.18 della L.109/1994 (c.d. Legge Merloni), del quale il geometra Ardigò ha più volte disposto indebitamente la liquidazione a favore proprio e, in molti casi, anche di D.L., dipendente del medesimo ufficio della Comunità Montana. In particolare, l’analitica disamina della documentazione concernente le pratiche edilizie sequestrata dai Carabinieri presso la Comunità Montana ha permesso di rintracciare diversi meccanismi attraverso i quali venivano liquidati importi, in tutto o in parte, non dovuti.

Nello specifico:

a) in molti casi Ardigò, pur non avendo svolto alcun ruolo nell’esecuzione dell’opera e dovendo unicamente verificare la regolarità contabile del progetto e distribuire i finanziamenti conferiti da Ministero, Regione e Provincia, si attribuiva falsamente taluna delle funzioni, in realtà svolte da altre persone, trattenendo alla fonte una quota del finanziamento assegnato, che nella gran parte dei casi veniva diviso con il collega d’ufficio.

b) In altri casi, l’appropriazione di somme detenute in ragioni dell’ufficio avveniva trattenendo una quota del finanziamento al termine dei lavori e a contabilità chiusa, quando si erano realizzati dei risparmi di spesa, che avrebbero dovuto costituire economie per l’ente ed essere dunque trasferiti nelle disponibilità di bilancio dell’ente pubblico; accadeva, invece, che l’intero risparmio, indipendentemente dal suo ammontare e senza indicazione del valore percentuale rispetto al costo dell’opera, veniva assegnato a titolo di incentivo ex art.18 legge Merloni allo stesso Ardigò e a D.L., che nessun titolo avevano per incassarlo, non avendo svolto alcuna delle attività previste dalla norma.

LIQUIDAZIONE DELL’INCENTIVO PER IMPORTI SUPERIORI A QUELLI SPETTANTI.

Vi sono poi numerosi casi in cui l’Ufficio Tecnico della Comunità Montana ha svolto effettivamente attività che danno titolo all’assegnazione dell’incentivo, che tuttavia viene liquidato in misura superiore al dovuto, come nel caso ricorrente ove dalla documentazione analizzata si rileva come il sovradimensionamento dell’incentivo avveniva indicando negli atti di liquidazione il corretto valore percentuale in base al quale l’incentivo andava calcolato e determinandone poi in concreto l’importo assoluto in misura superiore.

SOGEIM DEVE RESTITUIRE DIECI ANNI DI IVA

Riportiamo, pur avendone già dato notizia (repetita iuvant), l’articolo dell’ (IN)ChiariWeek sull’IVA che Sogeim dovrebbe rimborsare a tutti coloro che tramite questo modulo ne facciano richiesta. Come si evince anche dall’articolo del giornale, in attesa di sviluppi della vicenda, è comunque importante inviare con raccomandata A/R il modulo a Sogeim poichè così facendo si bloccherà l’IVA sulle prossime fatture.

Nel frattempo ringraziamo i tantissimi che hanno scaricato il modulo messo a disposizione dal blog: continuate a dirlo in giro!


(Clicca sull’immagne per leggere l’articolo in formato PDF)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: