• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 303,672 accessi
  • Categorie

GRILLO AVVIA CAMPAGNA ELETTORALE A BRESCIA: “RIVOLUZIONE? NO, VOGLIAMO UN PAESE NORMALE”

Zoom Foto

Brescia. «Guardateli: questi qui secondo voi hanno probabilità di essere eletti? Partiamo già sconfitti. Con Crimi sono stato due mesi a tentare di fargli imparare un po’di dialetto bresciano, ma niente. Se siamo qui però c’è un motivo, è perché qualcosa non quadra. Se no io me ne starei a fare il comico». Beppe Grillo irrompe sul palco in piazza Loggia quando la prima candidata, Carla Armellini, sta cercando di spiegare perché l’acqua dev’essere pubblica. Il comico genovese, invitato per aprire la campagna del Movimento 5 Stelle e degli otto bresciani in corsa (per la presidenza c’è Vito Crimi; per il consiglio oltre ad Armellini e Crimi, Dino Alberti, Giovanni Barbò, Massimo Idra, Daniele Pigoli, Davide Scala, Girgis Sorial) trascina il pubblico numeroso con le sue battute, fa ridere ma anche pensare.
Parla di questa onda che è nata dal Web e nelle ultime settimane si è mossa, nei territori, tra la gente: «Abbiamo raccolto 2mila firme in più, ci sono avanzate. Chiamate il Pdl se ne ha bisogno. Ma sono di incensurati, avrà problemi». Un movimento fatto di giovani, «cittadini come noi, comitati come quello che qui a Brescia ha vinto la battaglia contro la discarica di amianto». Un movimento, anche, frutto della grande mobilitazione che fu il V-Day: «Adesso tutti scoprono la piazza. Noi già tempo fa siamo scesi in piazza per andare a firmare per un Paese normale. Già, perché non siamo rivoluzionari. Vogliamo solo un Paese normale».
Per spiegare poi perché l’Italia normale non lo è, il comico sfodera i suoi cavalli di battaglia. Il presidente della Repubblica «Morfeo», che «dorme sempre e poi si sveglia a mezzanotte per firmare qualsiasi cosa», a partire dal decreto interpretativo. I «mille parlamentari nominati da cinque segretari di partito», gli stessi da troppo tempo. «Fini e Casini hanno fatto tre volte il salto mortale con avvitamento. Sono sempre quelli. Devono andare a casa, tutti. Bisogna far entrare i giovani di 30 anni», sbotta. E dulcis in fundo il governatore Roberto Formigoni, che si ricandida anche se «c’è una legge che dice che più di due legislature non le potrebbe fare, sono anni che è lì».
Insomma, Grillo invoca il cambiamento. Soprattutto perché la crisi avanza e dovrebbero ben saperlo i bresciani: «Voi che avete pompato reddito per 50 anni, fatto tondini per tutto il mondo e ora vi trovare con un Pil che non c’è più e si pompa solo debito». L’Italia purtroppo, sostiene, «non è salvabile». Servirebbe «un curatore fallimentare e invece c’è un nano che va in televisione a dire che il peggio è passato, che si vede la lucina in fondo al tunnel».
Ripartire dal basso, è l’imperativo per riportare la democrazia nel Paese secondo il leader di 5 Stelle: «Rendetevi conto – dice rivolgendosi al pubblico -. C’è forse un politico che fa la campagna in mezzo alle piazze? Invece io sto facendo questa tournée che è una seconda infanzia, c’è la gente che si avvicina e ci chiede incredula: “Ma è vero che siete tutti incensurati?”».
Alla fine resta ancora qualche minuto per parlare di programmi. Del «no al nucleare», dell’esigenza di connettività alla rete gratuita per tutti, della teoria rifiuti zero e di Brescia che «ha il più grande inceneritore d’Europa, dà ai cittadini anche l’acqua calda: pensate, ha preso pure un premio, poi vai a vedere chi gliel’ha dato e son gli stessi che l’han costruito». Il Movimento 5 Stelle, spiega, non punta a chissà che. «Siamo gli esclusi, non siamo nati sui giornali, né in televisione. Però se in consiglio entrerà anche solo uno di loro – dice indicando gli otto sul palco – sarà il terminale di un network, sarà come avere lì tutti voi, potrete controllare dove vanno i vostri soldi. Loro sono davvero diversi nel Dna». Il comico chiude, ringrazia, indossa l’elmetto da cantiere e si mette a lato ad ascoltare i candidati che si presentano. Ogni tanto ruba la parola per spiegare per bene qualche punto, fare qualche precisazione, sfoderare qualche battuta pungente. Altrimenti, non sarebbe Grillo.

(fonte: bresciaoggi)

ps. PALAZZOLO A 5 STELLE era presente con il suo gazebo per informare i cittadini sulla situazione acqua a Palazzolo e per raccogliere donazioni fondamentali per la sopravvivenza del gruppo (viste le tante iniaziative che ci vedono coinvolti e la nostra scelta di rifiutare sponsor a tutela e dimostrazione della nostra totale indipendenza, anche economica).

Giovanni Barbò
(candidato consigliere per la prov. di Brescia, nonché segretario del gruppo palazzolese) ha parlato dinanzi ad una piazza affollata spiegando ciò che PALAZZOLO A 5 STELLE fa sul territorio, come cerca di informare i cittadini e i risultati ottenuti dall’esterno del consiglio. A breve on line il video della serata!

Annunci

3 Risposte

  1. io c’ero anche se avevo i piedi congelati,ma c’ero e grillo come al solito è stato fantastico e ti fa pensare tutte le volte in che razza di paese viviamo per poi incazzarti.Ma è mai possibile che in questo paese è permesso tutto….certo solo a chi è ricco o ha conoscenze alto locate,perche se prendi dei poveri diavoli come noi che stanno li a patire il freddo è negato tutto,persino quasi il diritto di ammalarsi.Dobbiamo farci sentire,darci dentro il piu possibile è ora che se ne vadano a casa i senatori a vita,cialtroni,truffatori e chi piu ne piu ne metta……con l’augurio e la speranza di un futuro migliore per i nostri figli…..

  2. (ricevo e inoltro)

    “Il capo del Governo si macchiò ripetutamente durante la sua carriera di delitti che, al cospetto di un popolo onesto, gli avrebbero meritato la condanna, la vergogna e la privazione di ogni autorità di governo. Perché il popolo tollerò e addirittura applaudì questi crimini? Una parte per insensibilità morale, una parte per astuzia, una parte per interesse e tornaconto personale. La maggioranza si rendeva naturalmente conto delle sue attività criminali, ma preferiva dare il suo voto al forte piuttosto che al giusto. Purtroppo il popolo italiano, se deve scegliere tra il dovere e il tornaconto, pur conoscendo quale sarebbe il suo dovere, sceglie sempre il tornaconto. Così un uomo mediocre, grossolano, di eloquenza volgare ma di facile effetto, è un perfetto esemplare dei suoi contemporanei. Presso un popolo onesto, sarebbe stato tutt’al più il leader di un partito di modesto seguito, un personaggio un po’ ridicolo per le sue maniere, i suoi atteggiamenti, le sue manie di grandezza, offensivo per il buon senso della gente e causa del suo stile enfatico e impudico. In Italia è diventato il capo del governo. Ed è difficile trovare un più completo esempio italiano. Ammiratore della forza, venale, corruttibile e corrotto, cattolico senza credere in Dio, presuntuoso, vanitoso, fintamente bonario, buon padre di famiglia ma con numerose amanti, si serve di coloro che disprezza, si circonda di disonesti, di bugiardi, di inetti, di profittatori; mimo abile, e tale da fare effetto su un pubblico volgare, ma, come ogni mimo, senza un proprio carattere, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare.”

    Elsa Morante, 1945 (a proposito di Mussolini)

    Ricorda nessuno?

  3. dunque, fammi pensare…

    FDB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: