• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 303,338 accessi
  • Categorie

STIPENDI E TRASPARENZA ON LINE, ECCO LE CIFRE

L’INDAGINE. Dopo la direttiva del ministro Brunetta non tutti i comuni bresciani hanno aggiornato il loro sito internet

Responsabile del settore territorio e segretario comunale sono i più pagati. La classifica L’economia italiana va a rotoli, il Pil è in picchiata del 4,8% e la congruità degli stipendi è tornata ai valori del 1998. Ma ci sono redditi che non conoscono crisi. Quelli dei segretari comunali e dei dirigenti pubblici: lo stipendio medio per la gestione amministrativa di un Comune con più di 10mila abitanti si aggira attorno ai 100mila euro l’anno. E i segretari comunali dei 206 comuni bresciani costano oltre 12 milioni di euro l’anno. I loro stipendi adesso sono pubblici grazie all’ «Operazione trasparenza» imposta dalla legge voluta dal ministero per la Funzione Pubblica Renato Brunetta. Ogni comune ed ente pubblico deve avere sul proprio sito internet un link apposito dove riportare stipendi recepiti dai manager, assenze del personale ed eventuali consulenze esterne. Bresciaoggi è andata a spulciare nei siti internet di una quarantina di comuni (il 25 percento del totale, campione ben rappresentativo): i più popolosi hanno scelto (quasi) tutti la strada della trasparenza, i piccoli meno. Spicca per trasparenza la Valcamonica (Voli ha messo on line i dati di tutti i Comuni), molto male la zona del Garda; perfettibile l’operazione trasparenza anche per Bassa, Valsabbia e Valtrompia.

RECORD D’INCASSI. Il Paperone dei manager comunali di provincia è Aldo Maifreni, responsabile del Settore territorio del comune di Chiari: nel 2008 ha guadagnato 181mila 841 euro (ne ha pagati 78mila di tasse, gliene sono rimasti 103mila, 8mila e 500 euro netti al mese). In seconda posizione della classifica si trova proprio il segretario comunale di Chiari, Calogero Di Gioia: 153mila 765 euro. Stipendio di «bronzo» per Fabrizio Botturi segretario di Lonato (convenzione con Bovezzo): 148mila euro. Passi il fatto che il lavoro del segretario è di estrema delicatezza e importanza, che un adeguato stipendio aiuta l’autonomia delle scelte, che i redditi dichiarati sono lordi e – se superiori a 75mila euro – tassati al 43%: restano comunque stipendi importanti.

SCESI DAL PODIO dei più ricchi, ci sono comunque stipendi da urlo: il segretario generale di Montichiari, Lia Lucia Brogiolo, ha preso 146mila euro: ne ha dovute pagare 63mila in tasse, netti gliene sono restati 83mila. Quasi 7mila euro al mese. Tantissimo se rapportato allo stipendio di un operaio; relativamente poco se paragonato a quello di un consigliere regionale (oltre 12mila euro al mese). Stipendio d’oro anche per il segretario di Desenzano (Edoardo Leone prende 128mila), per quello di Iseo (Dario Trombetta, che gestisce anche Sale Marasino ne prende 127.749), quello di Palazzolo (Maria Giuseppa Fazio ha preso 111mila 508 euro). Un dato salta subito all’occhio: il segretario di Lumezzane Maria Concetta Giardina, seconda cittadina della provincia per popolazione con 24 mila residenti (Desenzano ne ha 26mila) ha preso 63mila euro in meno del collega di Chiari, 53mila euro in meno della collega di Montichiari, anche se è giusto precisare che il funzionario è approdato da poco in Valgobbia dopo aver retto la segretaria di Orzinuovi (convenzionata con Orzivecchi, Pompiano e Lograto).

Il problema è che lo stipendio tabellare si aggira attorno ai 40mila euro, ma poi lievita con indennità varie. Più dirigenti ci sono più costano: lo dimostrano i dati dei grossi comuni, «costretti» a pagare salate parcelle anche ai dirigenti dei diversi servizi (lavori pubblici, finanziari, al territorio alla persona).

LE CONSULENZE. Un capitolo a parte meriterebbero le consulenze, vera propria voragine per gli enti pubblici che covano il germe di potenziali clientelismi. Appaiono davvero «corpose» quelle date nel 2008 dai comuni di Palazzolo e Orzinuovi.

UN ESEMPIO VIRTUOSO: LE CONVENZIONI. Diversi comuni si sono però fatti furbi; in tempi di magra (meno entrate dallo stato) sono diventati più perspicaci e hanno pensato a prendersi un segretario in convenzione con altri municipi, suddividendosi così i costi. E’ il caso di Rovato (Maurizio Ricci è in convenzione con Bedizzole e Preseglie), Rudiano (convenzione con Borgo San Giacomo e Villachiara), Esine (convenzione con Costa Volpino e Artogne), Carpenedolo (in convenzione con Pralboino), Pisogne (convenzione con Gianico e Cerete). Hanno pubblicato l’operazione trasparenza anche Vobarno, Concesio, Roncadelle, Concesio.

COMUNI SENZA DATI. Molti, troppi ancora i comuni che non si sono adeguati alla legge 69 del giugno 2009. Brescioggi non ha trovato riquadro «operazione trasparenza» per troppi comuni gardesani (Salò, Gardone Riviera, Gargnano), della Bassa (Manerbio, Ghedi ha solo le assenze, Leno, Dello, Mairano), dell’Ovest (Erbusco ha solo le assenze), delle valli. In teoria, come recita la legge Brunetta 69 del giugno 2009 dovrebbero andare incontro a sanzioni. Ma – paradosso dei paradossi – i primi a ricevere le sanzioni dovrebbero essere proprio i ministeri, visto che la metà di loro non ha pubblicato alcun dato.

di Pietro Gorlani (BresciaOggi)

>>>LEGGI TUTTE LE CIFRE RIGUARDANTI PALAZZOLO SULL’OGLIO<<<

>>>COMMENTA LA PROPOSTA DI PALAZZOLOA5STELLE SULLA RIDUZIONE DEGLI STIPENDI<<<

Annunci

Una Risposta

  1. trasparente? levissima direi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: