• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 311.770 accessi
  • Categorie

COME APRIRE UN ECOPUNTO PER IL RICICLO

L’idea di rendere business i rifiuti sta prendendo piede. La cosa non è nuova, i magazzini che acquistavano materiale dai robivecchi, incluso stoffe, batterie esauste e pentole rotte, erano presenti un po’ in tutta la penisola. L’idea nuova è stata rendere franchising questo genere di commercio semplice semplice: tu porti un chilo di lattine, vetro, plastica, carta o ferro in un Ecopunto è ti viene riconosciuto un pagamento variabile in base al materiale consegnato. Insomma, un sistema di incentivazione al non buttare nell’indifferenziato risorse preziose.

Il progetto di Recoplastica, dunque avanza lentamente ma inesorabilmente e cerca nuovi franchisor. Entrare in contatto con loro è semplice ed è sufficiente inviare una mail a franchising@recoplastica.com o cooperazione@recoplastica.com, mentre i requisiti richiesti sono:

1. Il locale che ospita un negozio Ecopunto deve avere una superficie di almeno 150-200 mq, di cui 50 mq destinati alla parte commerciale ed il resto al magazzino;
2. A parte eccezioni, la destinazione urbanistica deve essere artigianale o industriale;
3. E’ essenziale che il posto si trovi su una strada trafficata o in una zona di passaggio per invogliare le persone a passare di lì per lasciare i propri rifiuti;
4. Anche un parcheggio vicino aiuta ad attirare clienti, che si fermano volentieri se riescono ad appoggiare la macchina senza impazzire;
5. Non si devono avere carichi pendenti cioè essere imputati in procedimenti penali;
6. Essere disposti a seguire un corso di formazione che illustra il funzionamento dell’Ecopunto;
7. Non avere preclusioni a lavorare in cooperazione.

Le spese da sostenere per l’apertura si aggirano intorno ai 10mila euro che comprendono le autorizzazioni, il corso di formazione e le royalties per il primo anno, mentre i guadagni si aggirano intorno ai 2000-2500 euro mensili.

(FONTE: ecoblog.it)

Per approfondire l’argomento:
>>IL PRIMO NEGOZIO DEL RICICLO

——————————————-

Ps. Stando ai dati della provincia di Brescia e alle dichiarazioni ufficiali dell’ultima amministrazione, Palazzolo raggiunge il 40% della raccolta differenziata, a differenza di molti altri comuni in cui la raccolta porta a porta spinta con tariffa a peso è già partita da tempo con eccellenti risultati. Le modalità per raggiungere in breve tempo il 70% di raccolta differenziata esistono e sono applicate da tempo in diverse realtà. Palazzolo cosa aspetta?

Oltre ai negozi del riciclo PALAZZOLO A 5 STELLE ha fatto diverse proposte, che, molto sinteticamente, riassumiamo di seguito:

  • Eliminazione dei bidoni per l’indifferenziato.
  • Calcolare la tariffa per il pagamento dei rifiuti non più al metro quadro ma al chilogrammo di rifiuti indifferenziati prodotti.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: