• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 303,666 accessi
  • Categorie

“VOGLIAMO UN’INFORMAZIONE CORRETTA” – terza parte conferenza Palazzolocambia

Terza e ultima parte della conferenza stampa di Palazzolocambia, Udc, Impegno per Palazzolo: informazione più corretta, l’immobilità di Palazzolo e della sua amministrazione  ed intervento finale di Claudio Cominardi per Palazzolo a 5 stelle sulla questione telecamere in consiglio. Questi i temi salienti.

Per chi volesse visionare anche la seconda parte ecco il link di riferimento:
http://www.youtube.com/watch?v=Lo9VbJHje0A

Annunci

9 Risposte

  1. Credo che un’informazione “corretta” si possa ottenere solo… costruendosela! Voi lo state facendo attraverso la rete ed il volantino cartaceo. L’ottimo sarebbe avere un giornalino dell’opposizione da distribuire periodicamente nelle case dei Palazzolesi.
    Ma forse è un miraggio… o forse no?!

  2. l’informazione corretta? l’informazione dell’opposizione??????? comunque ciò a cui annuisci si chiama propaganda!
    basterebbe un solo giornale, l’importante che dia le notizie nude e crude riportando solo i dati, che sia aperto a qualsiasi contributo e che tenga memoria degli avvenimenti.
    ognuno si trae le conclusioni che vuole.

  3. per stefano: un’informazione indipendente non potrà mai essere un’informazione di partito/partiti.

    io ritengo che nella conferenza di palazzolocambia siano state fatte (il video lo testimonia) alcune precise critiche nei confronti dei giornali/giornalisti locali che tendono a riservare trafiletti minuscoli quando si tratta di denunciare i “pasticci” della maggioranza e dedicare molto più spazio alla propaganda della maggioranza quando ne capita l’occasione.

    non credo abbiano detto falsità. io ci rifletterei su…

    piuttosto, sarebbe interessante capire se lo spazio esiguo riservato alle denunce di ciò che non va in comune sia stato “imposto” ai giornalisti o meno e sopratutto perchè…

    informare i cittadini non significa solo scrivere di parchi che vengono inaugurati ma anche ricordare alla cittadinanza tutto quello che nel nostro comune non funziona…

  4. Forse sono stato frainteso, probabilmente non mi sono spiegato adeguatamente.
    credo che il vergognoso stato dell’informazione italiana – cartacea e televisiva – sia sotto gli occhi di tutti. La stampa locale non fa eccezione, purtroppo.
    L’unica opportunità, a mio avviso, è di “crearsi” dei canali nuovi di comunicazione (in rete, per esempio), per offrire punti di vista alternativi, diversi, di opposizione, appunto. I partiti (e i loro giornali)lasciamoli stare, oggi, di fatto, non esistono più, almeno per quel che indicava la nostra costituzione a riguardo.

  5. non voglio parlare di come si evidenzia o meno una notizia, sappiamo benissimo la differenza tra un titolone e un trafiletto. vorrei parlare di informazione pura e semplice: la differenza tra maggioranza e minoranza sta nel fatto che la prima dice “abbiamo fatto” oppure “faremo”, l’opposizione o denuncia cosa è stato fatto male (normalmente tutto ciò che fa la maggioranza) o cosa è stato promesso ma non hanno fatto (idem come prima) oppure dice “avremmo fatto ma…”.
    Chi scrive e chi legge è più interessato alla notizia concreta che alle intenzioni (tutte belle e fattibili in campagna elettorale, ma poi nei fatti ben diverse – e questo vale per tutti) . credo che la differenza stia tutta qui.

  6. ancora sull’informazione:
    qualsiasi notizia viene in qualche modo manipolata, senza bisogno di riferirsi all’informazione politica. chi scrive, anche inconsapevolmente, ha una sua visione personale del fatto, diversa da quella di chiunque altro, anche se per piccole sfumature. se poi la notizia è da riportare tenendo conto dello spazio a disposizione dovrò muovermi facendo o no dei tagli, quindi evidenziando o meno qualcosa: a scuola non era la stessa cosa fare un tema in max 3 pagine oppure 8, idem riassunti in una pag o liberi, penso che anche su un giornale se ho 20 o 40 o 60 righe a disposizione leggerò tre articoli ben diversi.
    conclusione: scrivere e accontentare tutti non è facile, anzi, impossibile. x me è importante, ed è la vera discriminante tra chi scrive bene o chi scrive male, è che bisogna essere capiti da tutti, non solo dagli addetti ai lavori

  7. Concordo completamente con te jfk ,vorrei aggiunere che nell’informazione di oggi manca il confronto anche all’interno della stessa testata. Anni fa capitava spesso di leggere articoli sullo stesso argomeno e nello stesso giornale con posizioni o conclusioni anche molto diverse,perchè è normale
    che il giornalista scrive con la propria testa con convinzioni maturate dalla propria esperienza. In questo modo il lettore una volta appreso il fatto era consapevole che le chiavi di lettura potevano essere differenti ed era stimolato a ricercare la propria posizione avendo a disposizione più dati su cui formarla.
    Oggi all’interno dei giornali, a parte qualche eccezione di ‘grandi firme’ vige una linea editoriale unica ed imposta dall’editore (solitamente grandi gruppi politico-economici)
    e gli articoli che si discostano da questa non vengono pubblicati.
    L’occupazione dell’informazione è il primo passo per il raggingimento del potere da parte di coloro che in manira democratica non ci riuscirebbero, perchè portatori di interessi e non di valori o ideali !
    Scompare così il giornalismo d’inchiesta lasciando spazio al giornalismo di propaganda ed in questo modo l’informazione perde il ruolo di controllo che nella nostra democrazia è fondamentale.
    Ricordiamoci quante torbide questioni sono emerse in Italia e nel mondo grazie al lavoro e alla caparbietà di tanti giornalisti che facevano del proprio lavoro una ‘missione’ e chiediamoci se tutto questo oggi sarebbe possibile !!!

  8. LA SOLUZIONE È SEMPLICE MA DI DIFFICILISSIMA CONCRETIZZAZIONE:
    PARTECIPAZIONE, CITTADINANZA ATTIVA, CHIEDERE CONTO AI RESPONSABILI (CARTA STAMPATA, AMMINISTRATORI, RAPPRESENTATNTI DELLE ISTITUZIONI..).

    UNIAMOCI, I CITTADINI CONTANO SOLO QUANDO “FANNO NUMERO”.

  9. Informazione equilibrata:
    ho visto i filmati dell’incontro organizzato da palazzolo cambia. mi sono anche letto gli articoli relativi sui nostri quotidiani. alcune impressioni sulle quali vorrei confrontarmi con voi:
    1-giornale di brescia: notevoli le allusioni verso la parzialità del giornale nel filmato (mi han riferito che però si è andati anche oltre le allusioni…), di questo però nell’articolo si fa solo un lieve accenno, per il resto sostanzialmente vengono riportati un po’ tutti gli argomenti trattati; si dà molto più spazio a selina grasso e solo due accenni a rubagotti e cima, ma dopotutto era selina che organizzava l’incontro e lo spazio maggiore degli interventi li ha avuti lei
    2-bresciaoggi: toccati un po’ tutti gli argomenti, ma credo vi sia una sorta di antipatia (personale? politica?) tra gcc e grasso: a lei poche misere righe, rubagotti e persino gritti hanno avuto il doppio di spazio rispetto a lei.

    è lo stasso discorso fatto l’altra volta: nessuno ha alterato i fatti, però non sembrava la stessa riunione…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: