• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 316.397 accessi
  • Categorie

LE FOTO DEI GHIACCIAI NASCOSTE DA BUSH

Lo scioglimento dei ghiacciai dovuto al riscaldamento globale fa paura, così tanta paura che l’amministrazione Bush ha tenuto nascoste le foto che provavano i cambiamenti dei ghiacciai nel tempo, finchè qualcuno all’Osservatorio geologico le ha fatte spuntare, ed ora sono on-line, disponibili per la consultazione sul sito dell’agenzia governativa USGS. Nelle foto, a risoluzione altissima, si vedono chiaramente gli effetti dei cambiamenti climatici, o meglio, non si vede nulla perchè i ghiacciai si sono sciolti. Scomparso il ghiacciaio di Barrow inghiottito dall’Artico, situato vicino al villaggio più a nord al mondo, sempre meno esteso quello di Bering. Le foto sono spuntate a poche ore dall’allarme lanciato sul clima dall’Accademia nazionale delle scienze, in una mossa forse concordata con l’amministrazione Obama che, avendo fatto della lotta ai cambiamenti climatici il suo punto di forza, apprezzerà la scoperta.

(tratto da ecoblog.it)

Il controllo dei media in Italia

SCRIVERE PER RESISTERE

Il controllo dei media in Italia

a cura di Giorgia Vezzoli

“Ora vedo, come in un incubo, che gli Italiani, che a me avevano dato il piacere della libertà di informazione e di espressione, devono leggere El Pais per poter conoscere le spudoratezze compiute dal loro Cavaliere”. (Di Juan Arias – El Pais 15/6/2009)


La nostra è una società mediatica: una società in cui la realtà viene percepita esclusivamente attraverso i mezzi di comunicazione di massa. Ciò che non si vede e di cui non viene data notizia, non esiste. Promuovere la propaganda attraverso i media è dunque essenziale per mantenere la base di qualsiasi potere politico, soprattutto di quelli non democratici, e per sopprimere qualsiasi voce che dissenta dalla “linea governativa”.

In Italia il controllo mediatico è in atto da tempo. Secondo l’ultimo rapporto annuale di Freedom House sulla libertà di stampa in 195 paesi del mondo, l’Italia risulta solo al 71esimo posto a causa della sua situazione anomala a livello mondiale sul piano della proprietà dei media: la concentrazione di mezzi di comunicazione pubblici e privati sotto una sola guida, che fa capo alla maggioranza di governo. Per la prima volta, l’Italia è scesa dalla fascia alta dei “paesi liberi” alla fascia intermedia dei paesi “parzialmente liberi”, unico paese dell’Europa occidentale ad essere stato declassato.

Secondo il giornalista Marco Travaglio, il 60/70% degli italiani (dati Censis) non vede Internet, non legge i giornali e si forma un’opinione soltanto guardando la televisione. “Chi guarda solo la televisione non sa nulla, è ignaro” sostiene il giornalista “gli basterebbe fare un salto in Canada, in Australia, per sapere tutto, purtroppo vive in Italia e quindi di quello che succede nel suo paese non gli fanno vedere nulla” riferendosi al documentario Citizen Berlusconi andato in onda in gran parte delle televisioni del mondo, tranne che sulla nostra.

Ad aggravare la situazione di monopolismo mediatico nel nostro Paese è l’ignoranza media della popolazione. Secondo i dati dell’OCSE, il 65% della popolazione italiana non possiede le competenze alfabetiche necessarie per interagire nella società dell’informazione. Si tratta di persone che non sono in grado di discernere le informazioni recepite, che non sanno difendersi, che non sanno probabilmente cosa votano. Il dilagare dell’analfabetismo funzionale non sembra trovare sufficienti risposte da parte dell’azione politica, men che meno dalla discutibile gestione dell’istruzione pubblica, a cui si è pensato bene di applicare pesanti tagli in modo piuttosto indiscriminato.

L’analfabetismo cognitivo è inoltre l’anticamera di un’altra grossa piaga del nostro Paese: l’analfabetismo digitale, aggravato dalla mancanza di investimenti in infrastrutture che prevedano una connettività veloce e diffusa per tutti. L’impossibilità di connettersi alla Rete significa la preclusione di tutte quelle forme di partecipazione democratica sviluppatesi con l’avvento di Internet. In Rete non solo è possibile accedere in modo veloce ad una grande quantità di dati, di leggi e di fonti ma è anche possibile un rapido confronto delle stesse, la creazione di una discussione nel merito, uno scambio reciproco di conoscenza.

In Italia non solo la conoscenza digitale non viene adeguatamente promossa, ma addirittura la Rete è stata spesso, negli ultimi tempi, oggetto di frequenti attacchi alla sua libertà d’espressione come la recente legge “ammazza Rete” . In Rete la maggior parte dei dati viene fruita in forma scritta. Mai come oggi la scrittura è ritornata ad essere simbolo di attivismo, se non di vera e propria resistenza nei confronti di un regime tanto subdolo quanto invisibile: quello mediatico.

>>> Da oggi è disponibile on line sul nostro blog un breve dossier sulla situazione dei media e il controllo dell’informazione in Italia: puoi scaricarlo qui.<<<<

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: