• Iniziative

    INCONTRI 5 STELLE Tutti i venerdi verso le 20.45 ci troviamo al "Sampa Bar", a S.Pancrazio (fraz. di Palazzolo) in via Firenze n.141. Passate parola! ---------------------------------------
  • Network

  • M5S: Camera e Senato

  • La palazzolo virtuosa

    consumo critico, volontariato, arte... Leggi gli articoli
  • BATTAGLIE

  • Proposte

    FOTOVOLTAICO 5 STELLE
    - fotovoltaico per tutti, le proposte...



    EMERGENZA CONTROCORRENTE
    - Bozza di progetto alternativo al bar galleggiante


    RIFIUTI
    - Documento RIFIUTI ZERO consegnato all'assessore all'ecologia Lancini


    ENERGIA
    - Sportello per il risparmio energetico


    TRASPORTI
    - Bus navetta comunale


    OBIETTIVI RAGGIUNTI
    - Autorizzazione permanente ripresa consigli comunali

    - E-mail pubbliche di consiglieri e giunta

    - Data di convocazione commissioni on line e sui pannelli elettronici in p.zza Giovanni XXXIII

    - Mobilitazione cittadini per mozione acqua pubblica bocciata da tutto il consiglio comunale

    - Risolte alcune segnalazioni cittadine (problema luminarie san pancrazio accese per oltre un mese 24h/24h, rimozione manifesti abusivi M. Peroni, questione parcheggi san pancrazio, vicenda ''famiglia West'' etc...)

    (Leggi tutto)

    (Leggi tutte le proposte discusse sul blog)

    >>Invia la tua proposta/segnalazione per migliorare il comune di PALAZZOLO SULL'OGLIO a palazzoloa5stelle@
    gmail.com
    , la inseriremo in homepage.
  • Statistiche

    • 303,338 accessi
  • Categorie

LE CONSEGUENZE DEI TAGLI ALLA SCUOLA

Mio figlio frequenta la quarta elementare.

E’ di ieri la notizia, appresa da una insegnante, che le scuole dell’obbligo  di Palazzolo, facenti capo tutte all’istituto comprensivo che gestisce sia le elementari che le medie, sono senza soldi per le supplenze. Di conseguenza, qualora manchino maestri o professori, gli alunni verranno o lasciati a casa o temporaneamente inseriti in altre classi (non per forza pari a quelle frequentate), con grave danno per il percorso scolastico degli allievi e per lo svolgimento dei programmi previsti.

Nel caso in cui manchi una maestra mio figlio potrebbe passare giorni rimbalzato da un’aula all’altra o, addirittura, essere invitato a restare a casa per una o più ore…!

La causa pare sia da ricercarsi nei pesanti tagli che l’ultima finanziaria ha portato alle scuole pubbliche; l’obiettivo, non troppo difficile da scorgere, mi dicono, è di sfasciare l’istruzione statale ed incentivare le iscrizioni agli istituti privati.

Non so se tutto ciò corrisponda al vero, ma credo proprio di non sbagliare…. Approfitto del  Vs blog per cercare chiarezza.

Grazie!!!

Una mamma

Annunci

39 Risposte

  1. mia cognata mi ha confermato oggi a pranzo che anche ad Erbusco succede la stessa cosa.

    sarebbe interessante sapere dall’assessore competente (Stucchi se non erro) se le cose stanno cosi’ (temo che la segnalazione corrisponda al vero), se si può intervenire e come…

    FDB

  2. L’assessore Stucchi dovrebbe dirci come porre rimedio localmente agli effetti di una legge nazionale voluta dal partito di cui fa parte e che rappresenta…!?!
    Speriamo che abbia notizie positive… da genitore sono assai preoccupato…

  3. ma quale sarà la consapevolezza politica di questi genitori, che da una parte si lamentano dei tagli alla scuola effettuati da questa maggioranza di governo e dall’altra la votano e la rivotano?

  4. domandate a Stucchi:
    gianni.stucchi@palazzoloweb.it
    cosi gli arriva sul suo blackberry direttamente.
    gianfry

  5. OK! Giorgia.
    Ma il consiglio comunale cosa fà?
    Vogliamo che si risolva almeno a livello locale? O si preferisce che il sindaco continui a distribuire “caramelline” agli alunni delle Ancelle?
    (dal blog)

  6. Guarda, angelo, giovanni dovrebbe aver seguito i lavori della commissione in merito e mi sembra abbia dato giudizi positivi sul loro operato: stanno facendo davvero tutto quello che possono con ciò che hanno a disposizione e si sono dimostrati accoglienti alle proproste degli altri, anche di altre parti politiche. Ma questo, ripeto, sarebbe da chiedere meglio a lui.

    Il vero problema sono i fondi che non ci sono più. Allora a questo punto la cosa migliore che un comune dovrebbe fare è PROTESTARE con le scelte governative e contro un centralismo che, a dispetto dello sbandierato federalismo, è sempre più pesante e rende i comuni sempre meno autonomi dal pdv economico.

    La responsabilità del consiglio comunale, a mio avviso, non è tanto cosa possa fare sulla questione scuola ma sulla questione, in generale, del reperimento dei fondi per la scuola. Qui si che secondo me l’amministrazione è carente. Conosco società che si occupano di promozione e sviluppo degli enti locali aiutando i comuni a reperire i fondi per farlo, usando anche tecniche alternative di finanza etica e altraeconomia. Non conosco bene in dettaglio il loro lavoro ma so che esistono. Allora magari invece di spendere soldi per una segretaria che comunica bene (?) biosgnerebbe avere l’umiltà di farsi aiutare nella gestione delle politiche economiche quando i problemi sono cosi seri.
    Sempre che si abbia la volontà politica di farlo ovviamente.
    Quella del governo in tema di scuola è abbastanza chiara: tagliare la scuola pubblica per renderla una scuola di assistenza dirottando le famiglie verso gli istituti privati, così che la conoscenza divenga appannaggio solo di chi può permettersela.

    Dico questo con abbastanza cognizione di causa: non c’è crisi a giustificazione che tenga ai tagli alla pubblica istruzione. In periodo di crisi è sulla conoscenza, sulla ricerca e sulla scuola che si deve investire non tagliare come dimostrano altri paesi più evoluti del nostro.

    Il problema allora, come vedi, ritorna: ha il nostro consiglio comunale la volontà politica di andare controcorrente agli obiettivi politici nazionali di cui la sua maggiornaza è parte?
    Io mi auguro di sì, ovviamente.

  7. Concordo pienamente e mi fa molto piacere constatare che siamo in sintonia e che anche qui non SONO L’UNICO anche se ormai ho l’età per essere quasi nonno: vuol dire che a casa mia siamo ancora giovani.

  8. Una precisazione per “La sottoparte”, il Blackberry di Stucchi non è il suo ma della cittadinanza che gliel’ha pagato. O mi sbaglio…? 😉

    Claudio Cominardi

  9. ovvio.

  10. Concordo totalmente con Giorgia.
    Credo però che la questione economica (il taglio ritaglio dei fondi) sia solo una parte del problema, importantissima, ma non esaustiva.
    C’è da sempre in questo nostro Paese, sia a livello locale che nazionale un problema di assunzione di responsabilità (ed il federalismo in salsa verde leghista non fa che moltiplicarlo) che non si vuole affronatare, poiché, ritengo, la classe politica sarebbe la prima a farne le spese.
    Ha ragione (sostanzialmente) la nostra ministra, novellasposa e quasimamma, quando ricorda che la spesa per l’istruzione in Italia è più o meno in linea con gli altri Stati europei; ma negli altri Stati di riferimento, tutti, a partire dal ministro all’ultimo degli insegnanti, sono chiamati a render conto del loro operato e ad assumersi oneri ed onori.
    Da noi scuola dell’obbligo ed università sono per lo più il regno del non controllo, vittime e complici di decenni in cui la scuola è stata (è) usata come serbatoio di voti, un po’ come tutta la macchina pubblica al collasso che sta innanzi a noi ogni qualvolta abbiamo bisogno dello Stato (dai tribunali alle ferrovie).
    Presidi e dirigenti scolastici andrebbero certamente riforniti di denaro, ma previo controllo di risultati e spese (appalti compresi). In questo senso lo stimolo che Giorgia dà è ottimo, perché proprio la vicinanza tra centri di spesa (scuole comunali) ed erogatori di fondi (i Comuni) potrebbero generare un circolo virtuoso in favore dei nostri figli.

    Un tempo si diceva che per capire un Paese andassero visitate la chiesa principale, il cimitero e la scuola. Se davvero vogliamo una Palazzolo migliore, sappiamo da quale dei tre cominciare…

  11. per claudio
    ho detto il suo come uso.
    certamente Cominardi saprà che è del comune.
    Suo, il modo di parlare traslato allo scritto.
    comunque corretta la presisazione, Cominardi!
    vi ho dato la mail dell’assessore .
    cosa aspettate a girargli gli interventi?invece di continuare a discuterne scrivetegli che poi…..sicuramente avrete argomenti concreti di intervento.
    notiziola piccola piccola:
    giovedi riunione interistituzionale del diritto allo studio presieduta dall’assessore ……
    ciao
    gianfry

  12. avviso la ”mamma” che ci ha scritto e che ci segue quotidianamente che la sua segnalazione (come tutte quelle giunte in redazione) è stata inviata all’ assessore/ente di riferimento.

    In diversi casi abbiamo ottenuto risposta (vedi caso luminarie) in altre silenzio totale (vedi polizia in merito a segnalazione manifesti abusivi).

    vi terremo informati in caso di risposta.

    piccola considerazione: comprendo che la polizia abbia molto da fare ma il tempo per due righe di risposta a un cittadino credo che si debbano trovare, altrimenti la mail pubblica sul sito del comune non serve a nulla.

    FDB

  13. giusto admin

  14. Interessante notare come l’assessore Stucchi, eletto dai cittadini, non abbia ancora risposto all’e.mail che gli è stata inviata da noi cittadini sul suo blackberry pagato anch’esso con i soldi dei cittadini…
    E’ forse (ma speriamo di essere smentiti) la triste conferma che, anche avendo un indirizzo e.mail pubblico, la comunicazione con gli amministratori è assai lacunosa. Peccato.

  15. l’assessore risponderà alla” mamma” sicuramente quando l’avrà vista dopo la commissione. riceve il martedi in comune dalle 16/ 16.30.

  16. … ho capito, sottoparte. Dunque funziona così: si mandano le e.mail e per avere una risposta si va in Comune, dall’assessore, durante l’orario di ricevimento, magari prendendo un permesso lavorativo.
    Basta saperlo.
    Mi sarei aspettato, ma so di pretendere troppo, che l’assessore mandasse un’e.mail in cui ringraziava la mamma, ci informava di essere al corrente della situazione, di volerla affrontare ed infine si riprometteva di darci notizie più precise dopo l’incontro con la commissione.
    Ma forse è troppo.

  17. non capisco, sinceramente. sussidiario ha già espresso alcune mie perplessità:

    nel senso che l’ing. feriani (ad es.) ci ha risposto via mail, senza appuntamento. poteva non farlo, ma è stato corretto e cortese e ci ha fornito notizie che noi non sapevamo via mail.

    non può fare lo stesso l’assessore stucchi? la risposta la deve dare a palazzolo a 5 stelle. ci conosce no?

    ps. se i cittadini ci inviano segnalazioni (a volte firmandole a volte no) e ci chiedono di approfondire beh sarebbe bello che l’assessore capisse questo e rispondesse direttamente a chi la segnalazione gliel’ha inoltrata e cioè a palazzoloa5stelle:

    il lettore tramite il blog apprende. se dovessimo prendere appuntamento per ogni informazione, addio.

    velocizziamo questo comune. 😉

    per una mail ci vogliono pochi minuti. è quello il vantaggio.

    ci tenga aggiornati gianfry. stucchi mi è sembrato disponibile e interessato al movimento, sono sicuro che 2 minuti per una breve risposta a chi ci ha scritto li riesce a trovare. 🙂

    FDB

  18. confermo. Le comunicazioni col comune sono lentissime. Appuntamenti col sindaco…ciao!
    Con le 1.000 cariche che ha…. è assessore alla cultura con più di 100 associazioni e tutte vorrebbero incontrarlo…così come per il turismo e lo sport e è sindaco, assessore alla caccia…un pò un padre-padrone. ‘Faso tuto mì’….di buona scuola…

    traggo dal portale del sindaco:
    ”……Alle prossime elezioni comunali del 6/7 giugno 2009 sono candidato Sindaco per la coalizione PDL/Lega. Chiedo la Tua fiducia per essere il TUO Sindaco, cittadino tra la gente. Da cattolico praticante credo che la civiltà dell’amore si costruisca con un impegno comune senza personalismi ed egoismi di parte…….”

    e chi glielo va a spiegare adesso….

  19. rispondo per l’assessore:
    vi legge e sicuramente trova il tempo per rispondervi.
    ciao

  20. si.
    è vero, sono lente.

  21. mi si spieghino i tagli.
    voglio sapere da voi quanti e dove sono,
    per capire

  22. Buonasera a tutti i frequentatori di questo blog. Poche righe per comunicarvi che, al di là della tempestiva richiesta di informazioni di “una mamma”, il mio assessorato segue – ovviamente – in tempo reale tutte le problematiche inerenti l’offerta didattica palazzolese. La situazione è certo complessa e dover dare – come ha chiesto perentoriamente qualcuno – informazioni rapide avrebbe comportato inevitabili inesattezze. Così non va. Ho riunito la Commissione Interistituzionale giovedì sera proprio per avere un esauriente e dettagliato resoconto della situazione da parte di tutti i responsabili delle istituzioni scolastiche palazzolesi di ogni ordine. Credo che questo sia il metodo corretto. L’esito dell’incontro è stato molto confortante. Sono in atto iniziative concrete per dare soluzione alle criticità emerse da parte di tutti gli attori coinvolti. Un notazione: ricordo a tutti che il mio assessorato deve – sempre e comunque – rispettare l’autonomia gestionale e didattica degli istituti. Per questo motivo non sarebbe corretto anticiparvi le prossime scelte: ogni azione utile verrà intrapresa solo in concerto con i dirigenti scolastici. Il dettaglio di quanto stiamo facendo vi verrà reso noto appena possibile, nel rispetto dei ruoli e delle competenze. A “una mamma” provvederò a dare informazioni qualora sia possibile avere un recapito, dal momento che devo rispettare il principio istituzionale di riservatezza. Un’ultima considerazione: io ho sempre impostato il mio lavoro con grande spirito di condivisione e collaborazione. Alcune accuse che ho avuto la ventura di leggere mi feriscono particolarmente perché frutto di pregiudizio ideologico: non credo che sia il caso. A presto.

  23. P.S.: naturalmente sono perfettamente consapevole che sussidiario e altri non gradiranno il mio tono conciliante: avrebbero preferito un assessore arrogante e volgare per dar fondo alla loro sprezzante acredine. Ma io non sono così e non ho voglia di diventarlo adesso. Abbiano però il buon gusto di moderarsi un po’…

  24. @sussidiario: vedi com’è? va a finire che sei un estremista (non ti conosco ma da come scrivi non mi sembra)

  25. purtroppo di critiche ce ne saranno sempre per tutti, noi compresi. il cons. provinciale bertoli, a suo tempo, ci ha pubblicamente definito COMUNISTI, come dice lei PREGIUDIZIALMENTE. capita, in democrazia.

    l’importante, e si cerca di tutelarlo sul blog, è non andare oltre il limite del buon gusto. commenti offensivi sono prontamente moderati e in caso estremo bloccati. e le assicuro che verifichiamo l’esistenza delle mail di chi ci scrive. cerchiamo di fare il possibile affinchè non ci siano utenze fasulle o doppie.

    per quanto ci dice, premetto che mi fa paicere che un assessore parli direttamente con i cittadini anche tramite un blog seguito come questo. è importante.

    ‘la mamma’ so che ci segue e se vorrà, visto che la sua e mail è pubblica, provvederà a contattarla.

    e infine visto che i problemi in merito alla questione ‘tagli scuola pubblica’ sollevati dalla nostra lettrice esistono e, a quanto pare, sono stati affrontati, aspettiamo di poterne dare notizia ufficialmente appena possibile.

    FDB

  26. -ve l’avevo anticipato che Stucchi vi avrebbe risposto
    gianfry

  27. @gianni stucchi: da quello che scrive mi pare che effettivamente lei stia usando un tono conciliante, ma mi sembra che non le riesca tanto bene.

    Vede, questo non è un blog maleducato e irrispettoso, e usare ‘sprezzante acredine’ riferito a ‘loro’ (sussidiario e gli altri), mi pare da parte sua un giudizio dai toni dubbi, una valutazione che rischia di alquanto affrettata e superficiale.

    Siamo cittadini che fanno le pulci…
    Lei che ne pensa? Facciamo male?

    fare i concilianti non è ‘essere’ concilianti.

  28. ma non ha detto qualcuno che di comunisti non c’è sono più?
    mia nonna diceva che il primo socialista fu Gesù Cristo!
    e io ci credevo.
    come si fa a non crederealle nonne?
    gianfry

  29. scusi, non capisco bene cosa intende dire

  30. per tutti
    in mezzo a notizie di tagli e rinuncie,nessuno ricorda che arriveranno parecchi soldi per rivitalizzare il commercio a Palazzolo?
    eppure nel filmato si dovrebbe sentire
    o si vogliono sentire solo le notizie che fanno il proprio tornaconto?
    sono sicuro che accidentalmente vi è sfuggita.
    volevo postarla da giorni sperando che qualcuno lo scrivesse.
    allora la metto io.
    gianfry

  31. e tantissimi pomeriggi alle 15 a sentire le varie categorie per il PGT.(vedere sito comune)

    Ah…dimenticavo.
    il presidente di commissione territorio terrà anche incontri nei quartieri per il PGT (questa non è scritta ma la devo ai miei concittadini)
    sempre per servirvi cari lettori del blog
    gianfry

  32. per tutti meno uno.
    vi rispetto!
    gianfry

  33. no ci ho ripensato
    rispetto anche per lui
    gianfry

  34. Ringrazio l’assessore Stucchi. Attendo di vedere come si concretizzeranno i risultati “molto confortanti” emersi nell’incontro con i dirigenti scolastici ed il Comune. Vi farò sapere. Grazie anche a Palazzolo a 5 stelle per lo spazio concessomi.

  35. Anzitutto ringrazio l’assessore Stucchi per l’intervento e mi spiace che egli rilevi toni di “sprezzante acredine” laddove vi era solamente – e non sempre – una sollecitazione un po’ polemica ad una presa di posizione.
    Purtroppo però nella risposta dell’assessore non vi è alcuna risposta nel merito, mi pare, delle questioni sollevate:
    1) se la situazione era monitorata in tempo reale e costantemente dall’assessorato, perché non si è intervenuti preventivamente invece che a posteriori, quando cioè ci si è resi conto che – come scrive la mamma – le casse delle scuole erano già vuote?
    2) la situazione venutasi a creare è anche (e soprattutto!) conseguenza dei consistenti tagli alla scuola effettuati da governo di cui fa parte il partito che l’assessore Stucchi rappresenta: è vero oppure no?
    3) il Comune di Palazzolo si sta muovendo per reperire finanziamenti integrativi (come suggeriva Giorgia) oppure è impotente per la legittima impossibilità economica ad intervenire oppure non servono altri soldi oppure… ?
    Infine un chiarimento: ho capito male o l’assessore può rispondere privatamente ad “una mamma”, ma non può farlo pubblicamente in questo blog per ragioni di riservatezza istituzionale…?!?

  36. per sussidiario: questa gente non è abituata a render conto ai cittadini. e quando provano a farlo fanno pasticci o fanno i furbi come gianfranco piovanelli ha dimostrato in consiglio per la questione EMAIL PUBBLICHE. Figurati su cose più importanti.

  37. Come promesso, Vi torno a scrivere e Vi ringrazio per lo spazio offertomi.
    Dopo aver parlato venerdì con una maestra di mia figlia, ho saputo con più chiarezza la situazione dell’istituto comprensivo di Palazzolo che comprende le elementari e le medie.
    Esiste un debito che viaggia verso i trecentomila euro che la scuola al momento non è in grado di appianare; qualora dovessero arrivare i fondi previsti, ma che per ora il governo ha congelato, forse si riuscirebbe a porre rimedio alla voragine. Ma non vi sono certezze. Pare assurdo, ma davvero non lo sanno se arriveranno o no i soldi necessari.
    La maestra mi conferma che non si è nella possibilità di chiamare supplenti per non aggravare ulteriormente il suddetto debito, né è possibile acquistare alcun materiale didattico o di cartoleria.
    La nostra scuola non è l’unica in questa situazione, mano a mano l’emergenza si sta diffondendo rapidamente.
    Il Comune di Palazzolo ha svincolato i soldi destinati al” diritto allo studio” (progetti di integrazione, continuità, …) per permettere alla nostra scuola di attingervi per la spesa corrente. E’ stato un gesto significativo, sembra, e va ad aggiungersi alle non poche risorse che l’amministrazione dà alle scuole sotto varie forme, se ho ben compreso. Purtroppo non basta, poiché ben altri sarebbero gli investimenti indispensabili.
    Non so se il quadro che ho sinteticamente esposto dia l’idea di una situazione “confortante”, come scritto dall’assessore. Forse io ho solo delle informazioni parziali o inesatte, ma non credo.
    Chiudo ringraziando gli insegnanti che, in questo clima di incertezza e di confusione, riescono comunque ad offrire un livello di insegnamento che, almeno nella mia esperienza, è certamente di alto.

  38. La Scuola è un altro bene primario. Come lo è l’acqua.
    Questa destra, questo governo, e in particolare questo ministro (Mariastella Gelmini), stanno soffocando e distruggendo la nostra scuola, già di per sè molto malata. Altro che accanimento terapeutico.

    Mi auspico e propongo che, come per l’acqua, i partiti e i movimenti palazzolesi (PD, 5stelle e altri…) che ci rappresentano, creino sensibilizzazione e coscienza fra i cittadini e sappiano dare risposte decise, credibili, forti e alternative.

    Anche la scuola ha bisogno di una mobilitazione. Ha bisogno di tutti noi.

  39. ho visto presadiretta ieri sera… e (pur sapendo la situazione drammatica della scuola pubblica) ho avuto l’ennesima conferma del piano di d-istruzione che come diceva occhio questo governo sta mettendo in atto.

    a breve posteremo su questo tema una lettera che ci è giunta in posta che testimonia lo stato della scuola pubblica palazzolese.

    FDB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: